Home Articoli HP Debutta a Torino la Plastic Free Movida: addio a cannucce e bicchieri...

Debutta a Torino la Plastic Free Movida: addio a cannucce e bicchieri di plastica

SHARE
Debutta a Torino la Plastic Free Movida: addio a cannucce e bicchieri di plastica
Debutta a Torino la Plastic Free Movida: addio a cannucce e bicchieri di plastica
Tempo di lettura: 2 minuti

Debutta a Torino la Plastic Free Movida: il capoluogo piemontese in prima linea sul tema della tutela dell’ambiente con questa iniziativa che mette al bando le cannucce e i bicchieri di plastica

Debutta a Torino la Plastic Free Movida.
Debutta a Torino la Plastic Free Movida: addio a cannucce e bicchieri di plastica
Debutta a Torino la Plastic Free Movida: addio a cannucce e bicchieri di plastica
Il capoluogo piemontese dimostra di posizionarsi in prima linea per la salvaguardia dell’ambiente grazie a questa bella iniziativa.
L’iniziativa partirà questa sera da zona Vanchiglia e piazza Santa Giulia.
A dare il via al progetto GreenTO saranno i locali “Bereintipografia”“Barricata”, “Circolo Santa Giulia” “Le Panche”.
Nello specifico, il progetto Plastic Free Movida vuole istituire un sistema integrato su scala urbana per ridurre le cannucce e i bicchieri di plastica usa e getta della movida notturna.
L’iniziativa, nata da un’idea dell’associazione LessGlass, è stata sviluppata in collaborazione con greenTO, associazione studentesca nata nel 2016, per la città di Torino al fine di ridurre la plastica usa e getta e per sensibilizzare i cittadini sugli sprechi.
Tuttavia, il progetto mira a creare un sistema integrato tra i locali torinesi per consentire ai frequentatori di utilizzare bicchieri rigidi, lavabili e riutilizzabili.
Nello scorso mese di maggio è iniziata la campagna di crowdfunding su Eppela per raccogliere fondi necessari all’acquisto del primo lotto di bicchieri da distribuire ai locali che hanno aderito.
Finora sono stati raccolti oltre 3mila euro da più di 170 persone con i quali sono stati acquistati i primi 8mila bicchieri.
Se l’iniziativa dovesse riscuotere grande successo, dopo l’estate, a settembre, si procederà con la digitalizzazione del sistema integrato cittadino.

Come funziona la Plastic Free Movida?

Usufruire dell’iniziativa è semplice. Basta recarsi in uno dei locali aderenti all’iniziativa dove sarà possibile prendere un bicchiere (da amaro, da cocktail e da birra) versando una caparra di un euro.
Dopodiché, dopo aver bevuto il vostro drink potrete restituire il bicchiere nel locale dove avete preso la consumazione oppure in uno degli altri locali aderenti a Plastic Free Movida e farvi restituire la caparra.
Il progetto, oltre ad esser facile, veloce ed ecologico, porta anche un altro vantaggio per i locali.
Infatti, in questo modo si potrà aggirare l’articolo 44ter del Regolamento di Polizia Municipale, il quale vieta ai gestori di locali di servire, al di fuori del proprio dehors, bevande da asporto in contenitori di vetro.
Per conoscere l’elenco dei locali aderenti a questa iniziativa green e per ulteriori dettagli e informazioni su come partecipare al crowdfunding, è possibile visitare il sito di Plastic Free Movida.
L’obiettivo del progetto è di estendere la Plastic Free Movida in altri luoghi della movida torinese come piazza Vittorio e il resto della provincia.
Dunque, con questo progetto la movida torinese potrà tendere una mano all’ambiente mettendo al bando cannucce e bicchieri di plastica usa e getta.


Commenti

Correlato:  La ruota panoramica al Valentino si farà (ma ancora niente data)