Home Articoli HP Il Comune frena sul Lidl di via Borgaro: bloccato il progetto per...

Il Comune frena sul Lidl di via Borgaro: bloccato il progetto per la riqualificazione dell’area

SHARE
Il Comune frena sul Lidl di via Borgaro: bloccato il progetto per la riqualificazione dell'area
Il Comune frena sul Lidl di via Borgaro: bloccato il progetto per la riqualificazione dell'area
Tempo di lettura: 1 minuto

Stop del Comune al Lidl di via Borgaro: bloccato il progetto per la realizzazione del nuovo discount

Il Comune frena sul Lidl di via Borgaro.
Il Comune frena sul Lidl di via Borgaro: bloccato il progetto per la riqualificazione dell'area
Il Comune frena sul Lidl di via Borgaro: bloccato il progetto per la riqualificazione dell’area
Sembrava ormai cosa fatta la realizzazione del nuovo discount della catena tedesca che avrebbe dovuto riqualificare il quartiere Madonna di Campagna e, in particolare, via Borgaro.
Il vicesindaco Guido Montanari ha spiegato che Palazzo Civico è in fase di trattative con Lidl, ma anche con i consiglieri comunali e i commercianti della zona.
Se l’azienda tedesca non darà fastidio al piccolo commercio non ci sarà alcun problema all’apertura.
Infatti, i residenti e i commercianti, prima contrari all’apertura del nuovo discount, ora sembrano avere completamente cambiato idea.
Di fatto, i commercianti di via Borgaro affermano che non ci sarà concorrenza sleale, in quanto i negozi vendono articoli differenti dagli alimentari.
Il problema, però, non intaccherebbe i commercianti di via Borgaro, bensì i mercati e i negozi che trattano gli stessi prodotti situati nelle vie limitrofe.
Eppure si sarebbe trattato di un intervento importante quello che potrebbe essere operato da Lidl.
L’azienda tedesca aveva annunciato l’arrivo di un’area commerciale di 900 metri quadrati tra via Borgaro via Terni, la quale sarebbe arrivata dopo la bonifica dell’amianto.
Nel piano non era previsto solo il supermercato, ma anche un parcheggio con 78 posti e colonnine elettriche aperte all’interno quartiere.
Inoltre, si sarebbe proceduto con il rifacimento dei marciapiedi e un nuovo sistema di illuminazione.
In più, come per il Lidl di via Bologna, inaugurato lo scorso aprile, sarebbe stato installato un orto sul tetto.
Insomma, si trattava di un progetto che era arrivato a convincere sia residenti che negozianti.
Ora, la decisione passa al Comune che dovrà decidere se andare avanti con le trattative con Lidl oppure abbandonare definitivamente il progetto.


Commenti

Correlato:  Torino, la domenica ecologica è fissata per il 17 settembre
SHARE