Home Articoli HP Arriva a Torino Chapeau, il ristorante gourmet e sciaboleria che unisce classe...

Arriva a Torino Chapeau, il ristorante gourmet e sciaboleria che unisce classe e qualità

SHARE
Arriva a Torino Chapeau, il ristorante gourmet e sciaboleria che unisce classe e qualità
Arriva a Torino Chapeau, il ristorante gourmet e sciaboleria che unisce classe e qualità
Tempo di lettura: 2 minuti

Arriva a Torino Chapeau, il ristorante gourmet e sciaboleria che unisce classe e qualità

Da pochissimo tempo è disponibile una grande novità per gli amanti dei locali: ha aperto a Torino Chapeau, il ristorante gourmet e sciaboleria che unisce classe, qualità e cibo di primissimo livello.
Arriva a Torino Chapeau, il ristorante gourmet e sciaboleria che unisce classe e qualità
Arriva a Torino Chapeau, il ristorante gourmet e sciaboleria che unisce classe e qualità
Questo nuovo punto di riferimento cittadino per coloro che ricercano una cucina raffinata ed esperienze degustative uniche sorge in zona Sassi, precisamente in corso Casale 287. Qui, Chapeau trova posto all’interno di una villetta a due piani, che già in passato ospitava un locale noto per la degustazione di aperitivi.
Un locale giovane, che ha fatto il suo esordio nel panorama torinese agli inizi del mese di maggio, dopo un anno di lavori per la realizzazione di un ambiente curato nei minimi dettagli.
Come detto, Chapeau è un ristorante gourmet e sciaboleria. Un concept inedito per il capoluogo piemontese, che accoglie per la prima volta un simile modello. Il locale si articola su due piani, come detto. La lounge room si trova al piano di sotto, dove ha sede la sciaboleria e dove è possibile degustare aperitivi e cene lite (con menù del bistrot, molto curato e leggero per cene informali). Qui è possibile anche trascorrere le serate con i dopocena, che arrivano alle 01:00 e alle 02:00 nel week end. In queste occasioni è possibile degustare liquori, brandy e champagne, in una scelta che spazia in oltre 100 qualità ed etichette, e molto altro ancora. Un paradiso per gli appassionati e gli intenditori di bevande raffinate.
L’idea di chiamare questa parte del locale “sciaboleria” è legata alla modalità di apertura delle bottiglie. Queste non vengono stappate a mano, ma vengono proprio sciabolate, in riferimento all’antica tecnica del Sabrage. Un’usanza risalente alla Francia Napoleonica, periodo durante il quale veniva utilizzata la sciabola (arma della cavalleria leggera dell’esercito) per aprire le bottiglie nei cerimoniali. Ovviamente, all’interno del locale, questa tecnica viene riproposta con strumenti diversi e in tutta sicurezza. Inoltre, viene data la possibilità al cliente stesso di cimentarsi in questa pratica. Su richiesta può occuparsi il personale dell’apertura, o altrimenti si può ricorrere alla normale apertura manuale.
Una particolarità che si aggiunge alle grandi novità e prelibatezze messe a disposizione dalla cucina del ristorante gourmet. Qui è possibile apprezzare piatti preparati con ingredienti di primissimo qualità, selezionati e preparati con tecniche raffinate. Si tratta di pietanze che, spesso e volentieri, si legano alla tradizione locale, con alcune varianti che danno un tocco di modernità in più a quanto viene proposto. Al centro di tutto vi è la ricerca di prodotti selezionati, la cui provenienza sia certificata come artigianale e non intensiva. Pertanto, ci si può imbattere anche in prelibatezze locali (come Tajarin, Fassona e Fois Gras) o provenienti da lontano (come le ostriche, il Gambero Rosso di Mazara del Vallo, Glacier 51 e molto altro), da godere appieno in un menù alla carta o in itinerari degustativi.
Tutti coloro che intendono provare personalmente questa novità assoluta nel panorama cittadino possono farlo durante tutti i giorni della settimana, ma a orari diversi. Durante la settimana, dal lunedì al venerdì, l’apertura è fissata alle ore 18:30 e la chiusura intorno alle 01:00. Nel week end, l’orario di chiusura è esteso alle ore 02:00. Occorre tenere presente che i coperti sono poco più di una ventina, organizzati in tavoli che vanno dai 2/3 componenti alle 6 persone. Si tratta di tavoli ben distanziati tra di loro, per rendere ancora migliore l’esperienza del cliente. Pertanto, la prenotazione risulta essere più vantaggiosa per chi sceglie Chapeau per la propria serata.
Un’idea originale per trascorrere una serata alternativa, all’insegna del buon cibo, della classe e potendo godere di una location davvero suggestiva. Senza contare che, a breve, il parco interno ospiterà una terrazza, con fiori, aiuole e tutto ciò che potrà rendere indimenticabile una serata all’aperto, in compagnia di un ottimo champagne. Al termine della stagione estiva, infine, sarà allestito un padiglione coperto, per ampliare il locale in vista dell’autunno e dell’inverno.
Per poter ottenere ulteriori dettagli e informazioni sulle proposte e sulle particolarità di questo nuovo progetto è possibile consultare il sito www.chapeautorino.it.


Commenti

Correlato:  Il presepe dei record a Torino: dove si trova?
SHARE