Home Arte Musei gratis, a Torino aperture straordinarie con #IoVadoAlMuseo

Musei gratis, a Torino aperture straordinarie con #IoVadoAlMuseo

SHARE
Musei gratis, a Torino aperture straordinarie con #IoVadoAlMuseo
Musei gratis, a Torino aperture straordinarie con #IoVadoAlMuseo
Tempo di lettura: 1 minuto

Musei gratis, a Torino sono in programma aperture straordinarie con l’iniziativa del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali #IoVadoAlMuseo

I musei gratis, a Torino, tornano ad essere accessibili grazie all’iniziativa del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali #IoVadoAlMuseo.
L’iniziativa prevede l’ingresso gratuito ogni prima domenica del mese tra ottobre e marzo nei musei e aree archeologiche statali.
Non solo. Infatti, il progetto prevede anche l’ingresso gratuito straordinario anche in altri giorni dell’anno a scelta del singolo museo o area archeologica statale.
Nello specifico, i Musei Reali, che comprendono Armeria RealePalazzo RealeGalleria SabaudaMuseo di Antichità Cappella della Sacra Sindone, saranno aperti gratuitamente ogni giovedì fino al 17 ottobre 2019 con orario dalle ore 17.00 alle 19.00.
Musei gratis, a Torino aperture straordinarie con #IoVadoAlMuseo
Musei gratis, a Torino aperture straordinarie con #IoVadoAlMuseo
Palazzo Carignano e Villa della Regina, invece, hanno in programma un’apertura gratuita straordinaria per domenica 23 giugno, dalle ore 10.00 alle 18.00.
Inoltre, la Fondazione Torino Musei permette l’ingresso gratuito il primo martedì del mese non festivo per il Museo d’Arte Orientale e per la Galleria d’Arte Moderna, mentre l’ingresso è gratuito il primo mercoledì del mese non festivo per Palazzo Madama.
Per quanto riguarda il Museo Egizio, invece, offre l’ingresso gratuito per il giorno del proprio compleanno. Per usufruire della gratuità è necessario esibire in biglietteria un documento d’identità valido.
Dunque, nell’arco dell’anno, i musei torinesi offrono molte possibilità per visitare gratuitamente i propri tesori.


Commenti

Correlato:  FCA, a Torino la “quota cento” può mandare in pensione 500 operai e sbloccare le assunzioni