Home Articoli HP Arriva a Torino IO, la nuova app che trasforma lo smartphone in...

Arriva a Torino IO, la nuova app che trasforma lo smartphone in uno sportello pubblico

SHARE
Tempo di lettura: 1 minuto

Arriva a Torino IO, la nuova applicazione per smartphone che trasforma il dispositivo in una sorta di sportello pubblico per pratiche, multe e bollo auto

Oggi, martedì 28 maggio, è stata presentata a Torino IO, la nuova app che trasforma lo smartphone in uno sportello pubblico.
 
A presentare l’applicazione, sviluppata dal Team per la Trasformazione Digitale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, è stata l’assessora all’Innovazione Paola Pisano.
 
Grazie a questa app, i cittadini potranno utilizzare il proprio dispositivo come una sorta di sportello a portata di click, che permetterà di interfacciarsi con l’Acil’Agenzia delle EntrateEquitalia e, presto, anche la Protezione Civile e l’INPS che hanno mostrato interesse per il progetto.
 
Nello specifico, i cittadini potranno dialogare con gli enti pubblici locali e nazionali, ricevendo ad esempio un avviso di scadenza di una tassa e pagarla immediatamente, oppure condividere informazioni su pratiche in corso e servizi richiesti.
 
L’idea è nata tre anni fa, ma il progetto è stato sviluppato da gennaio 2018.
 
La prima città che ha testato l’app è stata Milano, che ha avviato la sperimentazione lo scorso marzo.
 
Sono stati 1000 coloro che hanno richiesto di provarla nel primo giorno.
 
Inoltre, è stata lanciata la call per trovare testers, ovvero degli utenti che proveranno l’applicazione, i quali dovranno essere residenti nel capoluogo piemontese ed essere in possesso di uno smartphone e di un’identità SPID.
 
L’identità SPID è obbligatoria per effettuare il primo accesso, in futuro poi basterà solo l’impronta digitale sul touch-screen.
 
Dunque, grazie a IO i torinesi potranno avere dei contatti con le istituzioni con un solo tocco di smartphone.
(Foto tratta da DeaByDay)


Commenti

Correlato:  #TurinChristmas, il concorso di Places of Turin premia i vincitori
SHARE