Home Articoli HP Pasqua, a Torino è boom di turisti nei musei della città: lunghe...

Pasqua, a Torino è boom di turisti nei musei della città: lunghe code anche a Pasquetta

SHARE
Pasqua, a Torino è boom di turisti nei musei della città: lunghe code anche a Pasquetta
Pasqua, a Torino è boom di turisti nei musei della città: lunghe code anche a Pasquetta
Tempo di lettura: 1 minuto

Pasqua, a Torino è boom di turisti nei musei della città: la Sindaca Appendino soddisfatta dei risultati

Da diversi anni le festività di Pasqua, a Torino, rappresentano, per molti turisti, l’occasione di visitare i musei e le bellezze del capoluogo piemontese.
Anche quest’anno non sono mancate le lunghe code davanti agli ingressi dei principali musei della città sabauda, dal Museo Egizio al Museo del Cinema, passando per la Gam e i Musei Reali.
I musei torinesi non sono stati presi d’assalto solo nelle giornate di Pasqua e Pasquetta, ma anche nelle giornate precedenti e, sicuramente, vedranno lunghe code anche per il 25 aprile e il 1 maggio.
Nello specifico, da giovedì 18 aprile, al Museo Egizio, sono entrate ben 25mila persone. Ricordiamo che per tutta la settimana l’Egizio osserverà l’apertura straordinaria fino alle ore 21:00.
Ottimi risultati anche al Museo del Cinema, dove sabato sono stati registrati 4.221 ingressi, domenica 3.924 e lunedì 3.901.
Bene anche la Fondazione Musei che gestisce Palazzo MadamaGam e Mao, che insieme hanno registrato 11.716 ingressi, di cui 7.442 sono entrati a Palazzo Madama.
Successi anche per la Reggia di Venaria e i Giardini, che da sabato a lunedì hanno registrato 37.192 ingressi.
Infine, il Museo dell’Automobile ha contati ben 3.500 ingressi nelle giornate di Pasqua e Pasquetta, con un incremento del 12% rispetto al 2018.
Dunque, ottimi risultati per i musei di Torino, di cui si è detta soddisfatta anche la Sindaca Chiara Appendino con un tweet. Segnali che indicano che il settore del turismo a Torino gode di ottima salute.


Commenti

Correlato:  Il Salone del Libro di Torino vale 30 milioni di euro: ricadute economiche imponenti su tutta la città