Home Articoli HP Torino, Caravan Company a un passo dalla chiusura: un altro negozio si...

Torino, Caravan Company a un passo dalla chiusura: un altro negozio si appresta a lasciare il centro

SHARE
Tempo di lettura: 1 minuto

Torino, Caravan Company a un passo dalla chiusura: il negozio abbandona il centro dopo quarant’anni di attività

TorinoCaravan Company a un passo dalla chiusura.
L’insegna all’angolo tra via Carlo Alberto e via Mazzini si appresta a lasciare il centro del capoluogo piemontese.
Il negozio, punto di riferimento della moda fuori dagli schemi per i giovani degli anni Ottanta e Novanta, finirà con la primavera.
Come ha spiegato Luigi Marchiaro, il titolare del negozio, il motivo della chiusura è la concorrenza spietata di Amazon.
La carriera imprenditoriale del proprietario inizia nel 1979 quando, da ex studente appena 23enne, Marchiaro decide di investire su un nuovo modo di fare moda e apre Bizaard in corso Grosseto.
Nel 1984, spinto dagli ottimi risultati del negozio, apre in centro il Caravan Company insieme al vetrinista Dante Errico.
Per la scelta dei capi all’interno del negozio, i due si sono ispirati ai loro viaggi con un’esclusiva di lusso.
Infatti, Caravan Company è stata la prima a portare a Torino alcuni grandi marchi poi diventati intramontabili come Guess e Chavignon.
Un grande successo che, tra gli anni Ottanta e Novanta, li porta ad aprire cinque punti vendita in centro e altrettanti tra MoncalieriSaluzzoAlbaPinerolo e Chivasso.
Dal 2005, però, si fanno sentire i primi venti di crisi e così, Caravan Company ha dovuto prima rinunciare al franchising e poi, lo scorso anno,  allo storico negozio di corso Grosseto.
Era un negozio davvero particolare, mix perfetto tra avanguardia e vintage, ed era molto frequentato dai giocatori della Juventus di Platini.
Dunque, con questo ennesimo addio, se ne va dal centro un’altra insegna storica, segno che la crisi continuerà a mietere vittime in centro e non solo.
(Foto tratta da Museo Torino)


Commenti

Correlato:  2 giugno a Torino: cosa fare e dove andare per la Festa della Repubblica?