Home Articoli HP Stile Liberty, alla scoperta dei più bei palazzi di Torino

Stile Liberty, alla scoperta dei più bei palazzi di Torino

SHARE
Tempo di lettura: 2 minuti

Uno degli stili più presenti nella nostra città è lo stile Liberty.

Sfarzoso ma elegante, maestoso ma allo stesso tempo aggraziato, lo stile Liberty rappresenta un fiore all’occhiello per diverse zone di Torino e spesso ne abbiamo anche parlato.

Edifici storici, negozi, case, palazzi dalle forme imponenti ed esteticamente quasi perfette fanno capolino sulla capitale sabauda ormai da moltissimi anni.

Ecco alcuni dei migliori esempi di stile Liberty a Torino.

La Fontana dei Dodici Mesi

(Viale Matteo Maria Boiardo)

Iniziamo subito con una costruzione davvero particolare. Si tratta di una fontana presente dentro al parco del Valentino, la Fontana dei Dodici Mesi.

Esistente dall’Esposizione Nazionale architettonica del 1898 l’opera è un perfetto esempio di stile Liberty in città. Ampia e sfarzosa celebra i primi cinquant’anni dello Statuto Albertino e ancora oggi ha il potere di riportarci indietro nel tempo solo ammirandola.

Il Portone del Melograno

(Via Argentero 4)

In questo caso il gioiello Liberty è un portone, soprannominato dagli stessi torinesi “del melograno” grazie alle sue colorate decorazioni rappresentanti il frutto.

Situato in zona San Salvario non passa di certo inosservato e rappresenta un’ottima occasione per fare i turisti in città e andarlo ad ammirare.

Palazzo Bellia

(Via Pietro Micca 4)

Altra opera dell’architetto Carlo Ceppi, a cui dobbiamo anche la Fontana dei Dodici Mesi del Valentino, Palazzo Bellia fu edificato negli anni Novanta dell’Ottocento.

In questo caso nel cuore di via Pietro Micca possiamo ammirare un ibrido ben riuscito, un palazzo che del Liberty ha diverse influenze, tra cui la strutture delle finestre e le decorazioni in stile floreale.

Palazzo Ceriamo Mayneri

(Corso Stati Uniti 27)

Noto per essere la sede del Circolo della Stampa fu edificato sempre dal Ceppi tra il 1884 e l’87.

Anche in questo caso troviamo diverse influenze dello stile Liberty torinese puro e l’opera nel suo complesso riesce a farsi notare e a stagliarsi nel quartiere.

Fregi floreali, finestroni e un’architettura raffinata esterna ed interna sono le caratteristiche principali che lo rendono una “tappa Liberty” imperdibile.

Palazzo della Vittoria

(Corso Francia 26)

Detto anche “Casa dei Draghi”, Palazzo della Vittoria è opera dell’Ingegner Gussoni nel cuore del quartiere Cit Turin.

Ottimo esempio della fusione tra Liberty francese e torinese si staglia su cinque maestosi piani nel cuore di corso Francia.

Villa Scott

(Corso Lanza 57)

Imponente, splendida e inquietante quest’opera di Fenoglio viene ricordata per essere la villa del film Profondo Rosso di Dario Argento.

Il suo stile Liberty maestoso e di classe ha saputo fare da cornice perfetta per un dramma cinematografico senza tempo.

Villino Raby

(Corso Francia 6)

Progettato da Pietro Fenoglio questo gioiello rappresenta lo stile Liberty francese e quello belga in città.

Impossibile per i passanti non alzare lo guardo ad ammirare gli splendidi capitelli e le rifiniture che impreziosiscono ingresso e finestre.

Casa Fenoglio La Fleur

(Via Principi D’Acaja 11)

Già citata in presenza per la sua imponenza e beltà, Casa Fenoglio è un tripudio di fiori, vetrate colorate, nonché esempio per eccellenza del Liberty a Torino.

Casa Florio

(Via San Francesco 17)

All’angolo con via Bertola questa costruzione esiste dal 1902, anno in cui fu commissionata dai fratelli Daniele e Sereno Florio agli ingegneri Arnaldo Riccio e Giuseppe Velati Bellini.

Rappresenta uno dei primi esempi del Liberty torinese allo stato puro.

Villaggio Leumann

In questo caso usciamo da Torino per recarci a Collegno a cercare l’eccellenza dello stile Liberty.

Monumento vivente alla storia recente dell’industria e dell’imprenditoria illuminata, Villaggio Leumann rappresenta un gioiello Liberty fuori città, un microcosmo unico nel suo genere alle porte di Torino.



Commenti

Correlato:  Torino, le barriere anti-terrorismo si trasformeranno in opere artistiche
SHARE