Home Articoli HP Riapre l’Orto Botanico di Torino: un’oasi con fiori e piante da tutto...

Riapre l’Orto Botanico di Torino: un’oasi con fiori e piante da tutto il mondo nel Parco del Valentino

SHARE
Tempo di lettura: 2 minuti

Sta per riaprire il bellissimo Orto Botanico di Torino, un’oasi con fiori e piante da tutto il mondo

Sabato 13 aprile riaprirà al pubblico l’Orto Botanico di Torino, una vera e propria oasi che ospita fiori e piante da tutto il mondo all’interno del meraviglioso Parco del Valentino.
L’orto fa parte del Dipartimento di Scienze della Vita e Biologia dei Sistemi dell’Università degli Studi di Torino.
L’origine di questo orto botanico è molto antica e risale al XVIII secolo, quando venne istituito ufficialmente come Regio Orto Botanico.
Durante i primi anni dell’Ottocento, nell’area più antica dell’orto vennero piantati alcuni alberi che costituirono il viale che attualmente si trova nella parte centrale del giardino.
Successivamente, verso la metà del 1800, l’Orto Botanico venne interessato da lavori di ampliamento che portarono all’installazione di serre fredde, serre calde per le coltivazioni tropicali, le arancere e altri alberi che diedero vita all’area chiamata boschetto.
Alla fine del secolo, invece, la zona del giardino fu nuovamente ampliata e vennero costruiti i laboratori e la grande aula ad emiciclo.
L’Orto Botanico di Torino ha aperto al pubblico solo nel 1997 e da allora, accoglie ogni anno migliaia di visitatori e appassionati di botanica che vengono qui per scoprire le numerose specie vegetali ospitate.
All’interno è possibile ammirare l’alpineto, un complesso di aiuole rocciose silicee e calcaree che riproduce l’ambiente naturale di montagna, il boschetto, dove sono ospitati gli antichi esemplari di Fagus sylvatica, Taxus baccata, Gingko biloba, Cedrus libani e Quercusrobu, e il giardino con alberi monumentali, aiuole e tantissimi esemplari di fiori.
Inoltre, l’orto botanico ospita anche la serra tropicale, conosciuta anche con il nome di serra all’olandese per la sua struttura seminterrata e che contiene numerosi esemplari di piante tropicali come le Orchidee, la serra delle succulente con esemplari di piante che si adattano al clima arido e la serra delle piante del Sud Africa che accoglie più di 500 specie importate dal continente africano.
Per gli appassionati di botanica e non solo, l’Orto Botanico di Torino offre percorsi e visite guidate per conoscere e apprezzare meglio gli esemplari presenti in giardino.
Quest’anno l’orto sarà visitabile dal 13 aprile al 27 ottobre, dal lunedì al venerdì dalle ore 9:00 alle 12:00, il sabato dalle ore 15:00 alle 19:00, mentre la domenica e durante i giorni festivi l’orario di apertura sarà dalle ore 10:00 alle 19:00.
Il costo del biglietto intero è di 5 euro, mentre il prezzo di quello ridotto è di 3 euro ed è riservato ai bambini dai 6 ai 12 anni, agli adulti over 65, soci T.C.I., soci FAI, disabili e i loro accompagnatori, e ai possessori di Torino+Piemonte Card.
Potranno usufruire dell’ingresso gratuito i bambini sotto i 6 anni, i possessori dell’Abbonamento Musei Torino Piemonte e gli iscritti all’Associazione Amici dell’Orto Botanico di Torino.
Per maggiori informazione e possibile consultare il sito www.ortobotanico.unito.it.


Commenti

Correlato:  I lavori per il Grattacielo della Regione Piemonte si concluderanno a metà 2019: tra un anno il trasferimento dei dipendenti