Home Articoli HP Nuovi appartamenti nell’ex sede Italgas in centro Torino: la trasformazione dell’edificio raccontata...

Nuovi appartamenti nell’ex sede Italgas in centro Torino: la trasformazione dell’edificio raccontata dalla nostra House Hunter

SHARE
Tempo di lettura: 1 minuto

L’ex sede dell’Italgas rinasce: ospiterà nuovi appartamenti, i dettagli di questa trasformazione raccontati dalla nostra House Hunter Laura Polesinanti

In via XX Settembre 41 sopra il portone leggiamo ancora Società Italiana per il Gas.

L’immobile infatti è l’ex sede dell’Italgas e avrà nuova vita grazie ad un intervento di recupero e trasformazione ad uso residenziale.

Il complesso è costituito da tre edifici collegati, che risalgono ad epoche diverse. Uno di questi, denominato Palazzo d’Harcourt, fu progettato negli anni 1782-83 da Filippo Castelli su commissione del Conte Erasmo d’Harcourt. L’edificio fu eretto sull’area di un vecchio trincotto di fine Seicento.

Il trincotto era un campo rettangolare in cui si giocava la pallacorda. Il gioco, primordiale tennis, consisteva nel lanciare la palla nel campo avversario, colpendola inizialmente con il palmo della mano, e poi con una rudimentale racchetta. A metà del campo era tesa una rete.

Verso la fine del Cinquecento a Torino e provincia vennero aperti numerosi di questi trincotti con tanto di gradinate per gli spettatori. Il più importante fu il trincotto rosso, che si trovava nell’area dove oggi sorge palazzo Carignano.

Tornando all’ex sede Italgas, la facciata è stata realizzata dall’architetto Carlo Borda nel 1783. E’ ancora oggi soggetta a tutela della sovraintendenza, così come la scala interna. Le decorazioni su pareti, soffitti ed infissi rappresentano patrimonio storico. La famiglia d’Harcourt mantenne la proprietà fino agli anni Venti, quando il palazzo divenne sede della Società Italiana per il Gas.

Correlato:  Turismo, a Torino record di ingressi nei musei in questo Ponte di Ognissanti

La struttura dell’edificio non fu modificata se non con l’aggiunta della copertura del cortile, provvista di un lucernario, così da ricavarne il salone degli sportelli per il pubblico. L’immobile riqualificato sarà per qualcuno opportunità di vivere in un palazzo storico nel centro di Torino a pochi passi da piazza San Carlo.

A cura di Laura Polesinanti, House Hunter ed intermediaria immobiliare



Commenti

SHARE