Home Arte Nasce a Torino il Museo di Arte Urbana Aumentata, il museo che...

Nasce a Torino il Museo di Arte Urbana Aumentata, il museo che unisce la realtà al digitale

SHARE
Tempo di lettura: 1 minuto

Nasce a Torino il Museo di Arte Urbana Aumentata che unisce la realtà e il digitale

Sabato 6 aprile verrà inaugurato a Torino il Museo di Arte Urbana Aumentata.
Il MAUA offrirà una nuova esperienza di visita museale, tra la realtà e il digitale. Infatti, grazie a Bepart, una startup milanese, 46 opere di street art saranno animate con la realtà aumentata e diventeranno l’occasione per esplorare le zone meno conosciute della città.
Come funziona la visita a questo particolare museo?
Occorre uno smartphone dove scaricare un’app che permetterà di vedere nuove forme di street art. Tramite l’applicazione o con il catalogo MAUA, distribuito negli Info Point della città, si potrà scegliere liberamente il proprio percorso.
Quando si andrà ad inquadrare con lo smartphone i diversi murales, appariranno nuove opere che si trasformeranno in un lavoro di digital art appositamente creata per il museo.
Si tratta di un progetto che ha coinvolto più di 200 studenti che hanno collaborato con creativi e digital artist.
L’inaugurazione è in programma per sabato 6 e domenica 7 aprile e prevede un breve mostra con una selezione di opere fruibili dalle ore 13:00 alle 18:00 presso il Parco Aurelio Peccei di piazza Ghirlandaio.
La parte digitale del museo è curata da Bepart – the Public Imagination Movement, una startup fondata a Milano nel 2014 da Giovanni FranchinaLiliaHaralampievaJoris e Jacopo Jaccarino. I quattro ragazzi sono partiti dalla loro passione per l’arte, per i video e per la tecnologia e hanno realizzato un applicazione, disponibile sia per dispositivi con sistema operativo IOS che Android, che consente di fruire di nuove forme di street art attraverso gli smartphone.
L’obiettivo di Bepart è quello di utilizzare questa applicazione per ridisegnare gli scenari urbani fondendo la realtà con il digitale, con il virtuale.
Tra l’altro, nel 2017, Bepart ha anche curato la realizzazione del Museo di Arte Urbana Aumentata di Milano.
Dunque, un progetto, quello del Museo di Arte Urbana Aumentata, che rivoluziona il concetto di museo e di mostra nonché l’esperienza di visita, portando i visitatori a scoprire un museo a cielo aperto nascosto tra le vie della nostra città.
(Foto tratta da camera.to)


Commenti

Correlato:  Torino, via Frejus e la sua evoluzione nel tempo