Il Club di Scherma di Torino sfrattato da Villa Glicini dopo 140 anni: contese con il Comune alla base della decisione

    SHARE
    Tempo di lettura: 1 minuto

    Il Club di Scherma di Torino sfrattato da Villa Glicini dopo 140 anni: diversi contrasti con il Comune alla base della decisione

    Dopo 140 anni di storia il Club di Scherma di Torino viene sfrattato da Villa Glicini.
    L’associazione sportiva, che ha la sua sede storica all’interno del Parco del Valentino, in viale Ceppi 5, non avrà più a disposizione il suo quartier generale. L’amministrazione comunale, infatti, ha fatto decadere la concessione all’ente, che da oltre un secolo regala lustro alla città in questo particolare ambito.
    Parliamo di un simbolo dello sport locale e nazionale, che ha formato tantissimi atleti olimpici di successo, tra fioretto, spada e sciabola.
    Secondo la delibera approvata da Palazzo Civico, a partire dal prossimo 31 agosto, il Club di Scherma di Torino dovrà abbandonare i locali che attualmente occupa.
    In merito alla questione, Mario Vecchione, rettore dell’associazione da oltre quindici anni, ha voluto esprimere il proprio punto di vista. Secondo Vecchione, i contrasti con il Comune sono iniziati quando, nel 2016, la caduta di alcuni alberi al Valentino aveva danneggiato le strutture del Club. La causa tra le parti diede ragione ai titolari dell’associazione, ai quali spettava un risarcimento di 90mila euro.
    Le attenzioni del Comune circa il Club, stando a quanto riferito da Vecchione, si sarebbero enfatizzate in quel momento, tanto da arrivare a questo epilogo dopo più di un anno di contese varie.
    Se lo sfratto dovesse produrre i propri effetti a partire dalla data prefissata, il Club di Scherma si ritroverebbe con una nuova sede da cercare. Un vero peccato, soprattutto se si pensa che si parla di una delle rare formazioni sportive di Torino ad aver ottenuto il prestigioso collare d’oro del CONI. L’augurio è che la vicenda possa concludersi con un altro esito, facendo ricorso a una doverosa mediazione tra le parti.
    (Foto tratta da www.torinosportiva.it)


    Commenti

    Correlato:  Giardini di Torino, una storia tra bellezza e antichità
    SHARE