Home Ambiente Siccità in Piemonte, il Lago Maggiore a corto d’acqua: pessimismo per le...

Siccità in Piemonte, il Lago Maggiore a corto d’acqua: pessimismo per le prossime stagioni

SHARE
Tempo di lettura: 1 minuto

Siccità in Piemonte, il Lago Maggiore a corto d’acqua: troppe giornate soleggiate e temperature anomale, pessimismo per le prossime stagioni

Le giornate soleggiate e le temperature anomale dell’ultimo periodo hanno generato eccessiva siccità in Piemonte.
Quest’anno, al Lago Maggiore mancano almeno 100 milioni di metri cubi d’acqua rispetto alla media. La stagione invernale, a cavallo tra la fine del 2018 e l’inizio del 2019, è stata finora caratterizzata da giornate soleggiate e temperature letteralmente anomale per il periodo. Di solito, l’inverno permetteva al Lago Maggiore (e agli altri laghi e fiumi) di immagazzinare acqua in quantità sufficiente da affrontare primavere ed estate.
La neve e le piogge, solitamente, contribuiscono a fornire abbastanza acqua per affrontare le stagioni più calde dell’anno. Questo per effetto dell’innalzamento del livello del Lago saliva di un metro e mezzo: una variazione che portava 300 milioni di metri cubi d’acqua in più al lago (quantificabili in trecento miliardi di litri). Quest’anno, il livello è salito di appena 16 centimetri.
Tutto ciò, quest’anno, non è avvenuto. Questo perché l’attuale inverno è il più secco da 38 anni (dal 1981), nonché uno dei più secchi dell’ultimo secolo. Una situazione abbastanza preoccupante, che si riflette nella mancanza di 270 milioni di metri cubi di acqua rispetto alla capacità massima d’invaso e di più di 100 milioni di metri cubi d’acqua rispetto alla media stagionale.
Queste statistiche, evidenziate anche dal sito meteolivevco.it, hanno portato alla luce uno scenario che preoccupa non soltanto lo splendido lago del VCO, ma tutta la regione. Basti pensare che, a Torino, vengono normalmente registrate, da ormai diverse settimane, punte di venti gradi, accompagnate da giornate soleggiate. Il maltempo dovrebbe tornare a farsi vedere a breve, ma non in quantità adeguate. L’auspicio è che ci sia compensazione per riequilibrare un contesto a dir poco anomalo.
(Foto tratta da VCO Azzurra Tv)


Commenti

Correlato:  Torino, il ponte tra via Cavalli e corso Matteotti sarà inaugurato venerdì 6 aprile
SHARE