Home Articoli HP Torino, nuova vita per un edificio comunale in periferia: Iren lo trasformerà...

Torino, nuova vita per un edificio comunale in periferia: Iren lo trasformerà in uno smart building

SHARE
Tempo di lettura: 1 minuto

Torino, nuova vita per un edificio comunale in periferia: rappresenterà una nuova realtà culturale con spazi polifunzionali e di aggregazione

A Torino, nuova vita per un edificio comunale in periferia grazie al contributo di Iren.

Si tratta del complesso di via Reiss Romoli 45/47/49, nella zona nord di Torino.

Alcuni giorni fa è stata presentata la bozza del progetto di Iren Smart Solutions durante la seduta della VI Commissione, presieduta da Federico Mensio, con la partecipazione degli assessori all’Ambiente Alberto Unia e alla Cultura Francesca Leon.

Il progetto per la rifunzionalizzazione di questo edificio comunale è nato da una progettazione partecipata promossa da Iren, che dovrebbe essere condivisa entro il prossimo mese di giugno, in modo tale da consentire di mettere in gara il progetto nei prossimi mesi.

L’inizio dei lavori è previsto per il 2020, mentre il completamento dell’opera dovrebbe avvenire nel 2022.

Si partirà da una riqualificazione energetica per dare vita poi alla ristrutturazione di carattere edilizio.

I consumi energetici verranno ridotti grazie all’installazione di pannelli fotovoltaici sul tetto e alla divisione dei circuiti di riscaldamento dei diversi spazi. Anche il sistema di illuminazione verrà migliorato.

Per quanto riguarda gli interventi di edilizia, ci sarà un miglioramento sia degli spazi interni che esterni. L’area esterna ospiterà un cinema all’aperto, un piccolo parco per i cani, aree per lo sport e alcuni punti di ricarica per veicoli elettrici. Sul tetto, invece, potranno nascere e crescere giardini pensili e orti urbani.
Inoltre, per quel che concerne gli spazi interni, si andrà ad operare sulla palestra interna, procedendo al ripristino dell’agibilità di due tribune e verranno maggiormente illuminati gli spazi dell’asilo nido e della scuola materna, che saranno interessati dall’installazione un ascensore per persone con disabilità.

Correlato:  Rubata la reliquia di San Giovanni Bosco a Castelnuovo: iniziate le ricerche

La riqualificazione raggiungerà anche gli spazi che ospitano già il museo della Fantascienza Mufant, che a breve ospiterà il Mupin (Museo piemontese dell’informatica) e un edificio abbandonato che si trova nel cortile e che potrebbe accogliere nuovi negozi.
Tuttavia, saranno potenziati anche i collegamenti con la stazione Rebaudengo e con il centro città per agevolare le visite ai due musei.

Dunque, l’edificio comunale di via Reiss Romoli diventerà un nuovo polo museale e culturale della periferia nord, un punto di ritrovo per gli abitanti del quartiere.

 

(Foto tratta da Iren)



Commenti