Home Articoli HP Sanità, in Piemonte addio al ticket sui farmaci: non si pagherà più

Sanità, in Piemonte addio al ticket sui farmaci: non si pagherà più

SHARE
Tempo di lettura: 1 minuto

Sanità, in Piemonte non si pagherà più il ticket sui farmaci: verrà abolito dal 1°marzo

In questi giorni stanno arrivando tante novità in arrivo sul fronte della sanità, in Piemonte.
A partire dal 1°marzo i piemontesi non dovranno più pagare il ticket sui farmaci.
Il 15 febbraio la Giunta Regionale guidata dal presidente Sergio Chiamparino ha deciso di eliminare la quota fissa di compartecipazione farmaceutica a carico dei cittadini, misura in vigore dal 2002 pensata per controllare la spesa farmaceutica, ma che negli ultimi anni si era trasformata in una vera e propria tassa.
Con questa mossa il Piemonte diventa una delle prime regioni italiane ad aver completamente abolito il ticket sui farmaci.
In questi anni la Regione ha già introdotto diverse esenzioni in base al reddito e al tipo di patologie. Inoltre, era stato eliminata anche eliminata la quota di compartecipazione sui farmaci non coperti da brevetto.
Attualmente il ticket doveva essere corrisposto da 1,1 milioni di piemontesi e prevedeva un costo di 1 euro o 2 euro per ogni confezione di medicinale acquistato.
È stato possibile realizzare questo provvedimento grazie ai notevoli risparmi ottenuti negli ultimi 5 anni sulla farmaceutica grazie all’apertura al mercato delle gare di acquisto e all’introduzione della concorrenza. Queste misure hanno consentito alla Regione di reinvestire i soldi risparmiati nel sistema sanitario regionale e nella cura dei pazienti.
Dunque, questo ulteriore provvedimento in ambito sanitario rappresenta un segnale di buona salute della Regione Piemonte, che risulta essere una tra le più virtuose d’Italia in merito alla sanità.
(Foto tratta da NotizieOra)


Commenti

Correlato:  A Torino è nato un piccolo di asino somalo, una delle specie più a rischio di estinzione