Home Articoli HP Torino, la pedonalizzazione del Valentino si farà: il parco sarà a misura...

Torino, la pedonalizzazione del Valentino si farà: il parco sarà a misura di pedoni e ciclisti

SHARE
Tempo di lettura: 2 minuti

Torino, la pedonalizzazione del Valentino si farà: le auto spariranno dai viali per dare spazio al  Campus Universitario

Torino, la pedonalizzazione del Valentino si farà.
Dopo le numerose lamentele dell’Associazione Pro Natura rivolte alla Circoscrizione 8 e alla Città di Torino, per cui l’associazione richiedeva l’estensione delle aree pedonali e la riduzione degli spazi attualmente destinati alla circolazione e alla sosta dei veicoli, si è arrivati a una decisione.
Tra i punti che hanno fatto tanto discutere in questi anni troviamo il nodo del parcheggio del Padiglione V, che è spesso chiuso e inutilizzato, tranne in occasione del “Salone dell’Auto” o di “Natale in Giostra”, il che rendeva le manifestazioni uno spreco inutile di risorse.
L’ultimo atto della vicenda si è consumato la scorsa estate con la lettera della Onlus, la quale conteneva la richiesta di attuazione del regolamento del 2000 che regola l’utilizzo del parco e ne tutela il patrimonio storico e naturalistico.
Nella serata di mercoledì 13 febbraio, il consiglio della Circoscrizione 8 ha approvato il parere espresso dalla Città di Torino del dicembre scorso.

Il progetto

Nello specifico, questo progetto prevede la pedonalizzazione di viale Boiardo e viale Millo, con la conseguente perdita 140 posti auto, la quale dovrebbe essere tamponata dai 157 nuovi posti auto del parcheggio GTT di via Vincenzo Monti.
Inoltre, il piano conta che l’area in estensione della ZTL resterà accessibile a tutti i mezzi autorizzati, di servizio, soccorso e polizia. L’area rimarrà accessibile sia attraverso il varco sul piazzale al monumento adAmedeo di Savoia che da una rotonda all’incrocio con viale Marinai d’Italia, i quali saranno entrambi interessati dall’installazione di fioriere e presidiati da telecamere.
Tuttavia, verrà mantenuto lo sbarramento di viale Turr, in corrispondenza dell’incrocio con viale Millo, al fine di evitare l’aggiramento dell’ingresso di viale Virgilio.
Per colmare la perdita di 45 posti auto, conseguenza della pedonalizzazione del piazzale del monumento, si potranno sfruttare i parcheggi su via Francesco Petrarca e su corso Federico Sciolpis, realizzati lo scorso anno.
Invece, per quanto riguarda gli autobus, attualmente provvisti di sosta, i mezzi verranno indirizzati verso il controviale di corso Massimo d’Azeglio.
In più, lungo via Millo, in corrispondenza del Borgo Medievale, saranno posizionati alcuni stalli destinati ai visitatori diversamente abili e alle attività del borgo.
Il progetto di pedonalizzazione del Valentino prevede la realizzazione di un altro ambizioso progetto: il restyling del parco, che ospiterà in nuovo Campus del Politecnico. In questi giorni si procederà con la prima fase di carotaggio per verificare la stabilità dell’edificio, ma l’inizio dei lavori avverrà solo nel 2020.
Dunque, la pedonalizzazione del Valentino trasformerà il parco simbolo del capoluogo piemontese in un oasi verde perfetta per i pedoni e ciclisti torinesi.
(Foto tratta da Arte in Torino)


Commenti

Correlato:  Le secche e le piene trasformano il Po in un fiume tropicale