Home Articoli HP Il genio di Leonardo e i suoi allievi in mostra a Torino

Il genio di Leonardo e i suoi allievi in mostra a Torino

SHARE
Tempo di lettura: 1 minuto

In occasione delle celebrazioni vinciane, arriva a Torino l’esposizione “La bottega di Leonardo – Opere e disegni in mostra”, ospitata all’interno dello storico Palazzo Cavour, dal 9 febbraio al 12 maggio.

Leonardo da Vinci è protagonista assoluto del 2019, anniversario dei 500 anni dalla sua morte. Tra le tante iniziative organizzate a Torino, anche un’esposizione  nella quale è possibile  ammirare e comprendere, in una visione d’insieme, la straordinaria complessità della pittura leonardesca e del suo tempo.

Nello specifico si intende ragionare, con elementi nuovi e avvincenti, sui rapporti artistici intercorsi con i più fidati allievi e seguaci di Leonardo.

La mostra di Torino svela al pubblico un’opera di straordinaria rilevanza: la Maddalena discinta che il decano degli studi vinciani, Carlo Pedretti, aveva già assegnato alla collaborazione tra Leonardo e il suo promettente allievo Marco da Oggiono.            Significativa la presenza di due celebri disegni: uno studio di Testa di Uomo e un frammento di pensiero per la perduta Battaglia di Anghiari, realizzata da Leonardo nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio, a Firenze.

L’eredità artistica di Leonardo viene completamente riscoperta attraverso le opere dei suoi maggiori seguaci: Giovan Pietro Rizzoli detto Giampietrino, Marco d’Oggiono, Cesare da Sesto, Gian Giacomo Caprotti detto Salai e Bernardino Luini.

Correlato:  Lo sciopero Gtt ferma il blocco del traffico a Torino: i diesel euro 4 potranno circolare

La mostra è curata da Nicola Barbatelli, esperto di studi leonardeschi, con la speciale collaborazione di molti studiosi internazionali. L’organizzazione, la cura degli spazi e la gestione dell’evento a Palazzo Cavour sono invece affidati a Next Exhibition.

La mostra sarà aperta tutti i giorni, festivi inclusi. Per la prima volta, un evento targato Next Exhibition rientra nell’Abbonamento Musei; chi è in possesso della tessera potrà quindi accedere gratuitamente alla mostra.

 



Commenti

SHARE