Home Articoli HP Festa di San Giovanni 2019, a Torino ci saranno ancora i droni,...

Festa di San Giovanni 2019, a Torino ci saranno ancora i droni, come nel 2018: niente fuochi

SHARE
Tempo di lettura: 1 minuto

Festa di San Giovanni 2019, a Torino ancora spazio ai droni, come nel 2018: non tornano i fuochi d’artificio, richiesti da tanti torinesi

 

Per la Festa di San Giovanni 2019, a Torino saranno ancora i droni ad animare la serata.

 

Come avvenuto nel 2018, i piccoli velivoli saranno i protagonisti della serata e intratterranno i presenti con spettacoli e coreografie. Ad annunciarlo è stato direttamente Palazzo Civico, che ha colto l’occasione per aprire la sua ricerca di sponsor per la notte del 24 giugno.

 

Nello specifico, il Comune di Torino è interessato ad avviare collaborazioni di sponsor che consentano di aumentare il numero di droni in volo e per promuovere esibizioni di auto a guida autonoma e di robotica. Insomma, delle partnership in grado di rendere ancora più suggestivo l’evento proposto dal Comune.

 

Per quanto riguarda concerne la location, molto probabilmente la scelta ricadrà ancora su piazza Castello. Quest’ultima, dall’anno scorso, ha preso il posto di piazza Vittorio Veneto per le celebrazioni del Santo Patrono della città, soprattutto per le questioni di sicurezza (minor capienza e maggior controllo in piazza Castello).

 

Lo scorso 24 giugno, i partecipanti sono stati 35mila. I droni hanno intrattenuto i presenti per oltre 25 minuti, a partire dalle ore 22:30.

 

Le animazioni e la musica hanno rivoluzionato il tradizionale appuntamento con le celebrazioni del Santo Patrono, in un contesto totalmente diverso dal solito.

Correlato:  Consumi, in Piemonte crescono gli acquisti per i beni durevoli: +4,1% rispetto al 2016

 

I droni hanno disegnato in aria le lettere di Torino, la Mole, la Fiat 500 e tanti altri simboli della città. Una particolarità accompagnata dai brani dei Subsonica e da alcuni pezzi di Gigi D’Agostino, che hanno trasformato la piazza in una sorta di discoteca all’aperto. Degne di nota anche le proiezioni sulla facciata di Palazzo Reale, con rappresentazioni di vario genere (le facce di Paulo Dybala e Andrea Belotti, rispettivamente attaccanti di Juventus e Torino, ma anche i giocatori delle Nazionali partecipanti ai Mondiali).

Questa novità ha diviso il parere dei torinesi, tra coloro che hanno apprezzato e coloro che non hanno gradito. Questi ultimi hanno invocato il ritorno dei tradizionali fuochi d’artificio, ma è stato tutto inutile: si prosegue con le modalità avviate lo scorso anno.



Commenti