Home Articoli HP FCA, a Torino non sarà prodotta la Fiat 500 Giardiniera: finirà in...

FCA, a Torino non sarà prodotta la Fiat 500 Giardiniera: finirà in Serbia

SHARE
Tempo di lettura: 1 minuto

FCA, a Torino non sarà prodotta la Fiat 500 Giardiniera: la versione station wagon della celebre vettura non sarà realizzata a Mirafiori, bensì in Serbia

 

FCA, a Torino, non porterà la produzione della nuova Fiat 500 Giardiniera.

 

Stando ad alcune indiscrezioni (non confermate ufficialmente) riportate da ClubAlfa.it, la vettura in questione non sarà realizzata nei siti produttivi del capoluogo piemontese. Nei mesi scorsi era stato ipotizzato l’inserimento di questa auto nella lista dei veicoli da produrre nel nostro Paese e, più nello specifico, a Mirafiori.

 

Una ipotesi che però non ha trovato riscontro, in quanto la nuova Fiat 500 Giardiniera non è stata inserita nel famoso Piano Italia.

 

Ad accogliere questa novità di casa Fiat sarà, con molta probabilità, lo stabilimento di Kragujevac, in Serbia. Quest’ultimo, attualmente, produce già la Fiat 500L.

 

La vettura in questione rappresenterà la versione station wagon della 500, che già aveva riscosso un grande successo con la sua antenata durante i decenni scorsi. Un modello che riprende molti aspetti della classica 500, e che li ripropone con una forma più allungata e con un ambiente più spazioso. Per il suo lancio sul mercato bisognerà però attendere, in quanto il suo esordio è preciso per il periodo compreso tra la fine del 2020 e l’inizio del 2021.

Correlato:  MeteoTorino: inizia una settimana calda, ma con piogge e temporali

 

La nuova generazione della 500 Giardiniera dovrà essere un elemento fondamentale nella gamma Fiat. Sarà una 500 a 5 porte, che si collocherà nell’ambito del segmento B, sul quale Fiat deve tornare a puntare per essere competitiva in questa nicchia di mercato (al momento lasciata scoperta), specie dopo l’uscita di produzione di questa estate della Fiat Punto.

 

Una novità che porta con sé aspetti positivi dal punto di vista delle alternative di scelta e negative per la produzione in Italia, alla quale avrebbe fatto comodo un altro modello in più. Occorrerà attendere gli sviluppi futuri per sapere se queste indiscrezioni si trasformeranno in progetti concreti.



Commenti

SHARE