Home Articoli HP 30 gennaio 9 a.C.: viene fondata Torino, ai tempi Iulia Augusta Taurinorum

30 gennaio 9 a.C.: viene fondata Torino, ai tempi Iulia Augusta Taurinorum

SHARE
Tempo di lettura: 1 minuto

30 gennaio 9 a.C.: alle 07:45 viene fondata Torino, ai tempi Iulia Augusta Taurinorum

 

Il 30 gennaio del 9 a.C. veniva fondata Iulia Augusta Taurinorum, la città che oggi conosciamo tutti come Torino.

 

Le origini del capoluogo piemontese risalgono in realtà al 58 a.C. . Quell’anno, il proconsole Giulio Cesare stabilì nell’area in cui attualmente sorge la città della Mole un accampamento militare per raggiungere facilmente e velocemente le Gallie.

 

Successivamente, l’accampamento fu ampliato e divenne, nel 44 a.C., una colonia. Prese il nome di Julia Taurinorum. Solo in seguito, nel 28 a.C., Augusto, dispose la realizzazione di una seconda colonia, che adottò un impianto a castrum, ancora oggi visibile. Il territorio fu denominato Augusta Taurinorum.

 

In base a quanto viene riportato da studi molto recenti, però, la fondazione della città potrebbe essere avvenuta in un momento successivo. Il 30 gennaio 9 a.C. la colonia venne iscritta come tribù romana rurale Stellatina, per essere dotata di una cinta muraria protettiva solo nel I Secolo.

 

Stando ai ritrovamenti di alcuni documenti e a calcoli astronomici, uniti a studi di archeologia e storia, la nascita della città avvenne ufficiale alle ore 07:45.

 

La tesi è stata portata avanti nel 2018 da l’archeologo Sandro Caranzano, direttore del Centro Studi Archeologici Herakles, e l’astrofisica Mariateresa Crosta, dell’Osservatorio Astrofisico di Torino. Già nel 2012 questa tesi aveva preso corpo grazie ad Amelia Carolina Sparavigna del Politecnico di Torino.

Correlato:  Meteo, a Torino è iniziata ufficialmente l'estate meteorologica: ma i temporali sono in agguato

 

In questo modo, dunque, viene portata avanti una teoria in contrapposizione rispetto a quella più nota, che vuole la nascita di Torino in data 21 aprile 753 a.C.. Una novità che potrebbe cambiare la storia della nostra città.



Commenti

SHARE