Home Articoli HP Gtt, a Torino arrivano i nuovi tram: spazio ai primi 30 veicoli,...

Gtt, a Torino arrivano i nuovi tram: spazio ai primi 30 veicoli, entro il 2021 ce ne saranno 70 nuovi

SHARE
Tempo di lettura: 1 minuto

Gtt, a Torino arrivano i nuovi tram: 30 veicoli su rotaia con pianale ribassato, obiettivo 70 nuovi tram entro il 2021

Come già anticipato nei giorni scorsi, per Gtt, a Torino, si profila un periodo di grandi novità.
 
A inizio settimana è giunta una notizia assai importante e molto attesa: la compagnia di trasporto pubblico locale avrà a disposizione, a partire dal prossimo mese di giugno, ben 74 autobus Mercedes di EvoBus Italia, società del gruppo Daimler.
Nello specifico, Gruppo Torinese Trasporti potrà contare su 34 autobus snodati (di 18 metri di lunghezza) e 40 autobus standard (lunghi 12 metri). I veicoli in questione avranno la motorizzazione tradizionale di ultima generazione, vale a dire la Euro 6. Gtt potrà inoltre beneficiare del servizio di manutenzione full service per dieci anni.
Tra le altre novità riguardanti i mezzi Gtt rientrano i veicoli della flotta extraurbana. Quest’ultima, dal prossimo maggio, potrà contare su 41 nuovi bus extraurbani forniti da Iveco, modello Crossway. Mezzi di ultima generazione, che conteranno su una motorizzazione Euro 6. Saranno operativi anche 8 bus elettrici BYD, lunghi 8,7 metri, che saranno in servizio a Torino e nei comuni di Moncalieri e Venaria.
Ma il riammodernamento della flotta Gtt non finisce qui. In una diretta Facebook, infatti, la sindaca Chiara Appendino l’assessora ai Trasporti Maria Lapietra, hanno affermato che per le strade torinesi circoleranno a breve 30 nuovi tram.
Una novità molto importante, poiché molti utenti del servizio utilizzano quotidianamente i tram e si trovano a fare i conti con modelli obsoleti, soprattutto per quel che concerne le linee 13, 15 e 16. Alcuni presentano ancora dei gradoni difficilmente superabili per anziani e disabili. Per questo sono necessari nuovi tram.
Nella diretta, le due esponenti di Palazzo Civico hanno lasciato intendere che i mezzi in arrivo (occorrerà attendere l’ufficialità con il termine della gara a marzo) saranno moderni, con un pianale ribassato e, di conseguenza, fruibili con maggior facilità.
I 30 tram rappresentano l’inizio della sostituzione dei mezzi su rotaia attualmente circolanti. Il piano industriale di Gtt, valido dal 2018 al 2021, prevede l’introduzione di 70 nuovi tram. Questi dovranno essere finanziati con un investimento di 100 milioni di euro. Una buona parte della cifra, vale a dire 75 milioni di euro, è stata messa a disposizione da un finanziamento ministeriale. Una bella boccata d’ossigeno proveniente direttamente da Roma.
Insomma, grandi cambiamenti all’orizzonte per il Gruppo Torinese Trasporti, che adotta nuove soluzioni per garantire un servizio maggiormente adeguato.


Commenti

Correlato:  Torino: blocco del traffico per la domenica ecologica revocato
SHARE