Home Articoli HP La panna cotta, il delicato budino di origine piemontese

La panna cotta, il delicato budino di origine piemontese

SHARE
Tempo di lettura: 1 minuto

La panna cotta è uno dei dolci più famosi della pasticceria italiana

Tra i deliziosi dolci della tradizione piemontese svetta la panna cotta.
Un delicato budino molto semplice, fatto con panna, latte, zucchero e colla di pesce.
La panna cotta nacque agli inizi del Novecento dalla famiglia cuneese dei Songia. Negli anni Sessanta Ettore Songia, chef stellato al ristorante “I tre citroni”, mise a punto la ricetta di questo dolce come lo conosciamo noi oggi.
Al giorno d’oggi questo dessert è diffuso in tutta Italia e viene servito con salsa ai frutti di bosco, caramello o cioccolato.
Nella tradizione pasticcera europea si trovano delle ricette simili a quella della nostra panna cotta. L’unica differenza sta nella sostituzione della colla di pesce con l’albume d’uovo. In Inghilterra, ad esempio, troviamo il blanc manger, ma anche in Francia, in Grecia e in Danimarca ci sono dolci simili. Proprio nella tradizione danese si cucina il Moos hwit, un dolce al cucchiaio identico alla panna cotta, la cui origine risale al XIII secolo.
La ricetta della panna cotta è riconosciuta come ricetta della Regione Piemonte.

La ricetta

Per preparare 4 porzioni di panna cotta occorrono:
– 1/2 litro di panna fresca da montare;
– 80 gr di zucchero;
– 8 gr di gelatina in fogli;
– 1 baccello di vaniglia.

Procedimento

Per prima cosa mettiamo a mollo i fogli di gelatina in acqua fredda per 10-15 minuti e incidiamo il baccello di vaniglia estraendone i semini con un coltello.
Nel frattempo prendiamo un pentolino e versiamo la panna liquida, lo zucchero, i semini e il baccello di vaniglia.
Scaldiamo il tutto a fiamma bassa senza arrivare a far bollire. Una volta che la panna è arrivata a bollore, spegniamo il fuoco e togliamo con una pinza il baccello di vaniglia.
A questo punto prendiamo la gelatina ammorbidita e mettiamola nel pentolino con la panna. Mescoliamo con una frusta finché la gelatina non sarà completamente sciolta. Il composto dovrà risultare senza grumi.
Dopodiché prendiamo quattro stampini e versiamo la panna cotta con un mestolo. Poi mettiamo gli stampini in frigorifero in 5 ore in modo che la panna cotta si rassodi.
Una volta rassodata, immergiamo gli stampini in acqua bollente per qualche minuto in modo da sformare meglio la panna cotta.
Prima di servirla guarniamola a nostro gusto con cioccolato, caramello, o coulis di frutta oppure possiamo lasciarla al naturale.
(Foto tratta da UnaDonna)


Commenti

Correlato:  Gli Spazzacamini di tutto il mondo invadono il Piemonte
SHARE