Home Articoli HP I tram storici dell’ATTS di Torino, un museo in movimento

I tram storici dell’ATTS di Torino, un museo in movimento

SHARE
Tempo di lettura: 2 minuti

I tram storici dell’ATTS di Torino, un museo in movimento per le vie della città

Tra le tante attrazioni turistiche della nostra città, non possiamo non citare i tram storici dell’ATTS di Torino.
Ebbene sì, come accade a Lisbona, anche a Torino la rete tranviaria urbana è percorsa da alcune vetture d’epoca.
Se questi mezzi continuano a circolare per le vie della città, il merito è dell’Associazione Torinese Tram Storici.
L’ATTS è un ente senza scopo di lucro che, grazie ai suoi volontari, si è occupata di rimettere in sesto i vecchi tram per riportarli a svolgere il loro lavoro sulle strade.
L’Associazione nasce nel 2005 da un gruppo di tecnici, ingegneri, ex dipendenti di GTT e ATM e cittadini, tutti accomunati dalla grande passione per i tram d’epoca.
Tutti i membri dell’associazione intuirono subito che i vecchi tram, oltre a rappresentare un patrimonio culturale e storico per la città, potevano diventare una curiosa attrazione turistica.
Visitare Torino a bordo di questi tram è come fare un tuffo nel passato. Senza contare il fatto che, i percorsi particolari fatti da questi mezzi, permettono ai torinesi e ai turisti di scoprire scorci suggestivo della nostra splendida città.
Attualmente queste vetture vengono utilizzate maggiormente nei weekend oppure in occasione feste, eventi culturali, iniziative benefiche ed educative.
L’utilizzo dei tram storici da parte dei viaggiatori è a titolo gratuito, salvo un piccolo contributo liberale in favore dell’associazione, che a sue spese, ha rimesso in circolo queste vetture d’altri tempi.

Il Trolley Festival

Ogni anno, la prima domenica di dicembre, l’ATTS organizza il Trolley Festival. L’evento si svolge nel centro di Torino, ma principalmente in piazza Castello. Nel corso di questa iniziativa sei o sette tram, costruiti tra il 1904 e il 1959, offrono brevi percorsi turistici urbani.
Ma l’associazione non si è limitata a restaurare i vecchi tram torinesi, ma anche quelli di BolognaRoma e Trieste.
Inoltre, sono in via di restauro cinque motrici di cui una proveniente da Milano, una da Napoli e una da Monaco di Baviera.
Uno dei fiori all’occhiello della flotta ATTS è il Viberti CV61, autobus a due piani entrata in funzione nel 1961, in occasione del primo centenario dell’Unità d’Italia.

La linea 7

L’unica vettura per cui bisogna acquistare il biglietto GTT è quella che serve la linea 7. Il caratteristico tram di colore verde circola regolarmente ogni sabato e domenica, ma anche in caso di eventi particolari.
Sostanzialmente, oltre ad offrire un servizio turistico, è a tutti gli effetti un mezzo in uso per il trasporto urbano.
Il capolinea è in piazza Castello, ma la tratta copre praticamente tutto il centro cittadino. Nei giorni feriali ha una partenza a cadenza oraria dalle 9:30 alle 19:30, mentre nei giorni festivi dalle 15:00 alle 19:30.
Per tutte le informazioni e per il calendario degli eventi che coinvolgono i tram storici dell’ATTS di Torino, è possibile consultare il sito www.atts.to.it, inviare una mail all’indirizzo info@atts.to.it oppure visitare i principali canali social dell’associazione.
(Foto tratta dalla pagina Facebook dell’Associazione Torinese Tram Storici)


Commenti

Correlato:  Gtt, a Torino si punta sui bus elettrici: faranno parte della nuova flotta