Home Arte Riapre la Chiesa del Santo Sudario di Torino: il gioiello torna ad...

Riapre la Chiesa del Santo Sudario di Torino: il gioiello torna ad accogliere i fedeli

SHARE
Tempo di lettura: 1 minuto

Riapre la Chiesa del Santo Sudario di Torino: il gioiello torna ad accogliere i fedeli e sarà disponibile per varie funzioni

 

Riapre al pubblico la Chiesa del Santo Sudario Torino.

Questo gioiello, momentaneamente chiuso per restauri, sorge all’incrocio tra via Piave e via San Domenico, nell’area dei Quartieri Militari della città settecentesca. Fu costruita a partire dagli anni Trenta e fu consegnata negli anni Sessanta del Settecento, precisamente tra il 1734 e il 1764.

È legata alla Confraternita del Santo Sudario ed è proprio la seconda sede di questa realtà con alle spalle oltre 420 anni di vita (è stata fondata nel capoluogo piemontese nel 1598).

Questo vero e proprio gioiello del rococò piemontese è stato finora visitabile esclusivamente su appuntamento. Al suo interno conserva opere d’arte di inestimabile valore. Al suo interno, questa chiesa a navata unica presenta nella volta l’affresco della “Trasfigurazione“, realizzato da di Antonio Michele Milocco, come la pala datare. Nella cripta è inoltre stato allestito il celebre Museo della Sindone.

Per gli interventi di restauro sono stati fondamentali i contributi economici offerti da Fondazione CRT (36 mila euro, che hanno dato il via ai cantieri), dal Niaf (il National Italian American Foundation di Washington, che aveva messo a disposizione 27mila euro già nel 2016) e dalla Compagnia di San Paolo (che metterà sul piatto altri 30 mila euro).

Correlato:  In arrivo 260 nuovi alberi a Torino: saranno piantati per la Giornata Nazionale dell’Albero

La riapertura della Chiesa del Santo Sudario farà sì che questo sperone torni ad ospitare le funzioni religiose e gli incontri dei Confratelli del SS. Sudario, ma non solo. I progetti per questa struttura spaziano anche in altri ambiti, in quanto la Chiesa potrà presto ospitare mostre, conferenze e concerti.

Una splendida notizia per Torino e per tutti i fedeli e appassionati d’arte, che possono tornare ad ammirare questa meraviglia cittadina.

(Foto tratta da Piemonte Italia)



Commenti

SHARE