Home Articoli HP Blocco del traffico a Torino e provincia, ordinanza confermata: ancora fermi i...

Blocco del traffico a Torino e provincia, ordinanza confermata: ancora fermi i diesel euro 5

SHARE
Tempo di lettura: 1 minuto

Blocco del traffico a Torino e provincia, da domani fermi i diesel euro 5: registrato un livello di inquinamento superiore al limite consentito, prossimi aggiornamenti con le rilevazioni di giovedì 10

È stato confermato il blocco del traffico a Torino e provincia.
Il capoluogo piemontese, insieme a numerosi comuni dell’area della provincia, fermerà ancora tutti i veicoli diesel fino alla categoria euro 5.
Il provvedimento sarà in vigore dalle ore 08:00 alle 19:00 per i veicoli che trasportano persone e dalle ore 08:30 alle 14:00 16:00 alle 19:00 per i veicoli adibiti al trasporto di merci. Fermi anche i diesel euro 1, 2, 3 e 4 e i benzina euro 1 (con gli stessi orari) e i mezzi a benzina, diesel, gpl e metano, ciclomotori e motocicli con classe emissiva euro 0 dalle 00:00 alle 24:00.
L’ennesimo sforamento dei limiti di Pm10 e la mancanza di precipitazioni ha determinato il prolungamento del provvedimento. Come accade ormai da troppe settimane, i dispositivi di Arpa Piemonte hanno rilevato valori di polveri sottili superiori a 50 microgrammi al metro cubo. Una situazione che ha influito nella scelta di imporre nuovi blocchi.
Migliaia di veicoli circolanti quotidianamente a Torino saranno dunque costretti a restare fermi. L’ordinanza non riguarda però solo il capoluogo. Aderiscono al blocco anche i comuni di Beinasco, Borgaro, Collegno, Grugliasco, Moncalieri , Nichelino, Orbassano, Rivoli, San Mauro, Settimo Torinese e Venaria Reale.
Le precipitazioni non sembrano proprio voler arrivare: sembra dunque sempre più probabile che i blocchi vengano prolungati a oltranza. Per sapere come si evolverà la questione occorrerà attendere fino a lunedì 14 gennaio, quando ci saranno nuove rilevazioni da parte di Arpa.
(Foto tratta da Il Tempo)


Commenti

Correlato:  I castelli pinerolesi tornano all'antico splendore e puntano all'UNESCO
SHARE