Home Articoli HP Torino, Illinois: alla scoperta della città che inganna i torinesi di Facebook

Torino, Illinois: alla scoperta della città che inganna i torinesi di Facebook

SHARE
Tempo di lettura: 2 minuti

Torino, Illinois è la città che ha ingannato molti torinesi al momento dell’iscrizione al social network di Mark Zuckerberg

Con l’avvento di FacebookTorino, Illinois è diventata la città natale o attuale di molti utenti torinesi del più famoso dei social network.
Come indica Facebook, appunto, Torino, Illinois si trova negli Stati Uniti d’America. Quindi, non si tratta della nostra Torino, della nostra città della Mole.
Perché molti utenti hanno selezionato erroneamente questa voce al momento dell’iscrizione online a Facebook?
Molto probabilmente perché, soprattutto i primi tempi, digitando la parola “Torino”, questa località americana appariva in cima alla lista delle opzioni, subito sopra la nostra bella città.
Il fatto di essere la prima voce in elenco, potrebbe aver ingannato numerosi cittadini che l’hanno scelta pensando fosse quella più giusta.
Il virtuale boom di nativi e/o residenti di questo luogo è dovuto alla disattenzione dei torinesi, sebbene Torino, Illinois non sia una località facilmente rintracciabile sulle mappe.
Tuttavia, Facebook a parte, nel mondo esiste più di una Torino.

Tutte le Torino del mondo

Ci sono ben 9 città con il nome Torino in giro per i 5 continenti e si trovano in BielorussiaBosniaCanadaColombiaCosta RicaCroaziaEl SalvadorHaiti e Honduras.
Ci sono i doppioni anche di altre città italiane, ad esempio, sul pianeta, ci sono 21 città che si chiamano Firenze, 16 che si chiamano Roma, 14 che portano il nome di Milano e 11 con il nome di Napoli.
Per quanto riguarda gli Stati Uniti, il motivo per cui ritroviamo il nome delle nostre città all’estero è nell’emigrazione italiana.
Il fenomeno migratorio che ha portato centinaia di migliaia di italiani a cercar fortuna in giro per il mondo ebbe inizio intorno al 1870, ma gli inizi del XX secolo furono gli anni in cui le emigrazioni raggiunsero il picco massimo.
In pratica, i nuovi immigrati, una volta arrivati nel nuovo continente, cercavano di ricreare la loro dimensione, fondavano città dando lo stesso nome del  loro paese natale, che erano stati costretti ad abbandonare per sfuggire alla miseria.
Invece, per quanto riguarda le “Torino” di tutti gli altri Paesi che abbiamo citato prima, la motivazione per cui è possibile ritrovare lo stesso nome di città in questi luoghi è stata spiegata dall’autorevole Accademia della Crusca.
Infatti, a parte l’ipotesi della pura coincidenza, l’Accademia della Crusca ha evidenziato che, in passato, era abitudine nazionalizzare i nomi propri di città o di persone, anche se scritti in maniera totalmente diversa dalle lingue latine.
Sostanzialmente, una parola scritta con un alfabeto sconosciuto, ma foneticamente similare al suono “Torino” veniva riconosciuta come “Torino”.
Dunque, nonostante le tante Torino sparse nel mondo, c’è un’unica vera Torino ed è riconoscibile dalla Mole Antonelliana: è la nostra città.


Commenti

Correlato:  Il Freisa di Villa della Regina: 500 anni e vendemmia da record!
SHARE