Home Articoli HP La casa nascosta nel quartiere Nizza Millefonti: un gioiello “invisibile” di cui...

La casa nascosta nel quartiere Nizza Millefonti: un gioiello “invisibile” di cui ci parla la nostra House Hunter Laura Polesinanti

SHARE
Tempo di lettura: 1 minuto

Conoscete la casa nascosta del quartiere Nizza Millefonti? Si tratta di un vero e proprio gioiello architettonico, di cui ci parla la nostra House Hunter Laura Polesinanti

I condomini che fanno da perimetro al quadrilatero compreso tra via Nizza, via Sommariva, via Vinovo e via Genova, nascondono la casa della foto.

È una sorpresa affacciarsi da uno di questi condomini verso l’interno cortile; ci si trova la vista di questa bella villa circondata dal giardino. Viene da chiedersi cosa ci faccia lì! In realtà sono i condomini ad essere ospiti di quella che era l’area di pertinenza di questa casa nascosta.

Si trattava di un deposito di carburanti, i cui proprietari ne hanno venduto il terreno ad un’impresa costruttrice. E’ rimasta solo l’abitazione degli ex proprietari, che gode oggi di ben poca privacy ed è in netto contrasto con la connotazione del quartiere Nizza Millefonti.

L’origine del nome di questo borgo è lampante. Nizza per  la via che lo attraversa, che conduceva alla contea sabauda di Nizza. Millefonti per le numerose sorgenti sotterranee collegate al Po. Questa zona è caratteristica per la presenza delle bialere, che sonocanali artificiali usati un tempo  per irrigare campi e orti. Il quartiere Nizza Millefonti, infatti, aveva in origine carattere rurale, con qualche cascina e numerosi campi.

Correlato:  Aumentano i visitatori al Museo del Cinema

Molinette, il soprannome dello storico Ospedale Maggiore San Giovanni Battista, deriva dal fatto  che la sponda del Po all’altezza di corso Bramante era disseminata di antichi piccoli mulini. Nel XVII secolo, l’ingresso a Torino avveniva attraverso le “barriere” doganali. Quella che oggi è piazza Carducci era la porta daziaria chiamata Barriera di Nizza.

Con la costruzione  della linea ferroviaria Torino-Genova la zona ebbe una notevole crescita demografica. Nuove case popolari dei dipendenti delle ferrovie sorsero lungo via Nizza. Nel 1912 la cinta daziaria è stata spostata da piazza Carducci a piazza Bengasi e la ferrovia ha segnato il confine tra i quartieri Nizza Millefonti e Lingotto.

 

A cura di Laura Polesinanti, House Hunter ed intermediaria immobiliare



Commenti

SHARE