Home Articoli HP Chiude il ristorante Piano35: non rinnovato il contratto con la gestione

Chiude il ristorante Piano35: non rinnovato il contratto con la gestione

SHARE
Tempo di lettura: 1 minuto

Il ristorante Piano35 chiude: non è stato rinnovato l’accordo con l’azienda titolare dell’attività, chiude momentaneamente anche il Lounge Bar

Il ristorante Piano35 chiude.
Il punti di ristoro più alto d‘Italia, situato all’interno del Grattacielo Intesa Sanpaolo, a 150 metri d’altezza, è tanto amato per la sua particolare ubicazione, che offre un panorama mozzafiato della città di Torino, della collina e dell’arco alpino.
Uno dei nuovi punti di riferimento del settore del food torinese, una neonata eccellenza enogastronomica che ha già ricevuto numerosi riconoscimenti e che, in questi anni, è stata guidata da diversi chef stellati.
Il ristorante, però, insieme al Lounge Bar, chiuderà i battenti il prossimo 31 dicembre. Questo perché non c’è stato il rinnovo del contratto con Affida, newco del gruppo CIR Food, che fino a oggi si è occupata della gestione dell’aspetto ristorativo, già a partire dal maggio del 2016, quando il Piano35 è stato inaugurato.
L’accordo, che prevedeva la scadenza fissata proprio all’ultimo giorno del 2018, non è stato prolungato per il 2019. Ciò però non significa che il ristorante non riaprirà, anzi. Intesa Sanpaolo ha già fatto sapere di essere alla ricerca della migliore soluzione per far ripartire il locale e mettere a disposizione dei clienti e dei turisti un luogo rinnovato, pronto a soddisfare qualsiasi esigenza.
La notizia della chiusura fino a data da destinarsi del ristorante e del Lounge Bar dà una sensazione di tristezza, anche se si pensa al mancato rinnovo dei contratti di lavoro di circa quaranta dipendenti. Una scelta che però era nell’aria, visti i numerosi avvicendamenti tra chef (ne sono passati tre in pochi anni alla guida della cucina) e alcuni problemi nella gestione.
Ci si può solo augurare che nei mesi a venire il Piano35 riapra con un nuovo look e che non debba subire altre simili interruzioni.


Commenti

Correlato:  Torino, dati incoraggianti: sempre meno cani abbandonati
SHARE