Home Articoli HP Sospeso per Natale e Santo Stefano il blocco del traffico a Torino

Sospeso per Natale e Santo Stefano il blocco del traffico a Torino

SHARE
Sospeso per Natale e Santo Stefano il blocco del traffico a Torino
Sospeso per Natale e Santo Stefano il blocco del traffico a Torino
Tempo di lettura: 1 minuto

Il blocco del traffico a Torino sarà sospeso per le giornate di Natale e Santo Stefano: aggiornamenti a partire da giovedì 27

Il blocco del traffico a Torino sarà sospeso per le giornate di Natale e Santo Stefano.
Il capoluogo piemontese, insieme a numerosi comuni dell’area della provincia, ha deciso di sospendere temporaneamente lo stop a tutti i veicoli diesel della categoria Euro 4. Sono confermati i blocchi strutturali, che riguardano esclusivamente i veicoli e i ciclomotori Euro 0, mentre sarà consentita la circolazione ai veicoli Euro 1, Euro 2 ed Euro 3.
Il provvedimento avrà validità comunque fino alla giornata di lunedì 24 dicembre, dalle ore 08:30 alle 14:00 per i veicoli che trasportano persone e dalle ore 16:00 alle 19:00 per i veicoli adibiti al trasporto di merci. Dopodiché, le misurazioni di Arpa Piemonte proprio di lunedì 24 e di giovedì 27 dicembre stabiliranno se vi sarà la necessità di introdurre nuovamente il blocco o meno.
La disposizione era stata determinata dallo sforamento dei limiti di Pm10. Negli ultimi giorni, i dispositivi di Arpa Piemonte avevano rilevato valori di polveri sottili superiori a 50 microgrammi al metro cubo.
Una situazione che aveva decretato la necessità di imporre nuovi blocchi, che un anno fa sono stati all’ordine del giorno, soprattutto nella stagione invernale. L’occasionale caduta della neve non ha purtroppo portato i tanto desiderati miglioramenti delle condizioni dell’aria.
Occorre precisare che, sebbene numerosi comuni come quello di Nichelino, Moncalieri e Grugliasco abbiano aderito, ve ne sono altri, come Orbassano, che intendono adottare ugualmente l’ordinanza nelle giornate di Natale e Santo Stefano.
Bisogna dunque attendere le comunicazioni ufficiali dei singoli comuni (alcuni non si sono ancora pronunciati nella provincia), visitando anche i loro siti per avere la certezza di non incorrere in spiacevoli inconvenienti e multe salate.


Commenti

Correlato:  Torino, l'emergenza idrica segnalata dal Comune per gli incendi: Smat smentisce il pericolo
SHARE