Home Articoli HP FCA, a Torino il piano produttivo rischia altre modifiche: vertice in città...

FCA, a Torino il piano produttivo rischia altre modifiche: vertice in città per il futuro del gruppo

SHARE
FCA, a Torino il piano produttivo rischia altre modifiche: vertice in città per il futuro del gruppo
FCA, a Torino il piano produttivo rischia altre modifiche: vertice in città per il futuro del gruppo
Tempo di lettura: 1 minuto

FCA, a Torino il piano produttivo rischia altre modifiche: vertice in città con Comune e Regione per discutere sul futuro del gruppo

Il futuro di FCA, a Torino e in tutta Italia, potrebbe essere messo in discussione.
Il piano produttivo disposto per la nostra città potrebbe subire variazioni, nel caso in cui dovesse entrare in vigore l’ecotassa sui nuovi veicoli. Quest’ultima pare essere un’iniziativa del Governo per spingere ad acquistare veicoli a basse emissioni, per ridurre dunque l’inquinamento e diffondere l’utilizzo di mezzi più ecologici.
Se però questa ipotesi dovesse diventare realtà, ecco che le vendite di FCA subirebbero una drastica riduzione. Un calo che si rifletterebbe anche sulla produzione, che andrebbe rivista in numerosi stabilimenti.
Sebbene sia vero che la produzione della prossima 500 elettrica avverrà presso il sito produttivo di Mirafiori, è altresì da non sottovalutare l’attuale produzione tra Mirafiori e Grugliasco di vetture che rientrerebbero nella categoria dei veicoli “penalizzati” dalle nuove normative.
Il piano di produzione presentato dunque da Mike Manley e Pietro Gorlier potrebbe dunque essere soggetto a variazioni anche consistenti. Pertanto, per conoscere meglio le intenzioni del gruppo e i progetti per il futuro, alcuni rappresentanti del Comune di Torino e della Regione Piemonte si riuniranno con i vertici aziendali presso il salone della Città Metropolitana di Torino, in corso Inghilterra.
La riunione, fissata per domani, 13 dicembre, fornirà indicazioni sui futuri scenari e sulle intenzioni di FCA, per quanto riguarda gli stabilimenti della nostra città. L’auspicio è che non vengano applicate revisioni o eventuali riduzioni, viste le difficoltà delle fabbriche del capoluogo piemontese.


Commenti

Correlato:  Torino, la scomparsa di una donna di 52 anni: avviate le ricerche
SHARE