Home Articoli HP Turismo, a Torino impennata di visitatori rispetto allo scorso anno: grandi eventi...

Turismo, a Torino impennata di visitatori rispetto allo scorso anno: grandi eventi e attrazioni per i turisti

581
SHARE
Tempo di lettura: 1 minuto

Turismo, a Torino, sono veramente incoraggianti: tantissimi visitatori in più in città rispetto all’anno scorso

Il turismo, a Torino, si conferma come uno dei settori più importanti per la situazione economica della città.
I dati raccolti dalla Questura di Torino circa la presenza di visitatori in città durante i singoli mesi del 2018 testimoniano il buono stato di salute di questo comparto. Si tratta di rilevazioni molto attendibili, che fanno riferimento ai registri delle strutture alberghiere della città.
Il buon momento del turismo nel capoluogo piemontese è stato particolarmente visibile nei mesi di agosto, ottobre e novembre.
Nel primo caso parliamo del mese dell’anno in cui la città si svuota maggiormente. Ad agosto, però, in città è stato registrato l’arrivo di 100mila visitatori, ben 10mila in più rispetto al 2017. L’aumento, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, è stato dell’11,3%.
I grandi eventi autunnali hanno invece fatto registrare un aumento del 9,5% a ottobre e dell’8,74% a novembre. Ottobre è stato inoltre il mese in cui c’è stato il record di arrivi: 140mila in totale. Oscillazioni importanti, che testimoniano la continuità dei risultati del settore turistico torinese.
Ora si attendono i grandi risultati di dicembre. Un mese che potrebbe rappresentare la ciliegina sulla torta di un’annata davvero soddisfacente, visti i numerosi eventi e le grandi attrazioni proposte da questo particolare mese di festa.
L’auspicio è quello di ripetere e magari di migliorare questi traguardi, facendo affidamento, per l’anno prossimo, sulle attrazioni dedicate a Leonardo e sulla mostra da aprile a luglio ai Musei Reali. Con un occhio al 2020, quando il traino sarà il Museo del Cinema, che festeggerà i suoi 20 anni di vita.
(Foto tratta da Turismo.it)


Commenti

Correlato:  Torino, nasce al Politecnico il primo Master di Foodtech per diventare esperti digitali del cibo
SHARE