Home Articoli HP Uber sceglie Torino per lanciare il suo servizio di prenotazione taxi dall’app

Uber sceglie Torino per lanciare il suo servizio di prenotazione taxi dall’app

292
SHARE
ROMA 18 GENNAIO 2012 ASSEMBLEA DEI TASSISTI A CIRCO MASSIMO PRIMA DELL'INCONTRO CON IL GOVERNO CONTRO LE LIBERALIZZAZIONI. NELLA FOTO I TASSISTI AL CIRCO MASSIMO. FOTO RAVAGLI/INFOPHOTO
Tempo di lettura: 1 minuto

Uber sceglie Torino per rilanciarsi in Italia: il progetto sbarca nel capoluogo piemontese

La startup californiana Uber sceglie Torino per tornare a investire nel mercato italiano.
Dopo le polemiche e le contestazioni che avevano accompagnato lo sbarco di Uber in Italia, avvenuto nel 2013, la startup ha deciso di tornare nel Belpaese.
Infatti, Uber, piattaforma che offre un servizio di trasporto privato prenotabile tramite app, venne vista come una possibile minaccia da parte delle associazioni dei tassisti attive nel nostro paese.
Ora Uber torna con un sistema che punta ad offrire un servizio in collaborazione con gli antagonisti storici, ovvero i taxi.
Il nuovo servizio si chiamerà Uber Taxi,  sarà attivo a partire dalla fine dell’anno e partirà da Torino, prima città italiana in cui i fondatori della startup ha deciso di  avviare la sperimentazione.
Grazie al nuovo servizio, i clienti Uber avranno la possibilità di prenotare una corsa in taxi direttamente dall’app dedicata.
Sostanzialmente, il nuovo servizio di Uber è molto simile a quello offerto da MyTaxi, piattaforma tedesca attiva in Italia da 2015. E anche il meccanismo è lo stesso.
Infatti, Uber Taxi tratterrà il 7% della corsa e consentirà di prenotare e chiamare un’auto direttamente attraverso l’app pagando con carta di credito.
Dunque, Uber sceglie Torino per tornare in Italia in punta di piedi, ma i taxisti sono già sul piede di guerra.
Correlato:  Nel week end del 2 giugno si potrà sciare a Prali: le nevicate sulle Alpi mantengono aperti gli impianti


Commenti

SHARE