Home Articoli HP Riapre la Chiesa di Santa Chiara a Torino: l’opera di Vittone restituita...

Riapre la Chiesa di Santa Chiara a Torino: l’opera di Vittone restituita ai torinesi

1056
SHARE
Tempo di lettura: 1 minuto

Dopo anni di attesa riapre la Chiesa di Santa Chiara a Torino

Per la gioia dei torinesi, riapre la Chiesa di Santa Chiara a Torino.
Dopo essere stata chiusa al pubblico per diversi anni, grazie alla presenza del Gruppo Abele e dei suoi volontari, la chiesa verrà restituita alla comunità e i cittadini potranno tornare ad ammirarla attraverso delle visite guidate.
La Chiesa di Santa Chiara, superba opera di Vittone situata nel cuore del centro storico di Torino, è un bene di grande valore storico e artistico, un edificio che meritava di essere conservato e restaurato nel migliore dei modi. Proprio com’è accaduto.
L’identità originaria della Chiesa di Santa Chiara è stata valorizzata attraverso un utilizzo a fini sociali, quali la creazione di spazi di accoglienza e l’apertura al territorio.
Del grande complesso religioso costruito dalle suore Clarisse a partire dal 1740, la chiesa, il coro e l’ex convento di Santa Chiara, in via delle Orfane, rappresentano la parte residua.
La Congregazione delle Piccole Serve del Sacro Cuore di Gesù per gli ammalati poveri, proprietaria dell’immobile, date le condizioni, non poteva più abitare all’interno dell’edificio.
Così, nel 2015, la Congregazione affidò in comodato l’immobile al Gruppo Abele per proseguire nelle attività sociali, mantenne l’attività di laboratorio ed assistenza ai poveri, uno storico punto di riferimento sociale per il quartiere.
Dopo aver preso un carico la struttura, il Gruppo Abele, grazie al sostegno della Compagnia di San Paolo, ha scelto di avviare un progetto di “cohousing”.
Sostanzialmente, il complesso di Santa Chiara è stato trasformato in una residenza collettiva destinata ai giovani volontari che sperimentano un modo più sostenibile di abitare accogliendo altri giovani in situazioni di difficoltà economica e sociale.
Inoltre, i volontari si occuperanno della gestione degli spazi comuni, delle iniziative sul territorio e dell’apertura al pubblico della chiesa restaurata.
Il progetto di riqualificazione, iniziato con il restauro della chiesa e proseguito con il recupero dell’ex convento e del restauro del coro ancora in atto, è stato realizzato grazie al contributo da Compagnia di San Paolo, che ha investito circa 900mila euro.
Dunque, riapre la Chiesa di Santa Chiara a Torino e la bellezza di un altro importante edificio del centro storico cittadino torna ad essere fruibile dai torinesi.


Commenti

Correlato:  La pasta fresca di Savurè a Torino apprezzata anche a Londra!