Home Articoli HP Oro incenso mirra-Presepi nel Monferrato torna per la terza edizione!

Oro incenso mirra-Presepi nel Monferrato torna per la terza edizione!

845
SHARE
Oro incenso mirra-Presepi nel Monferrato torna per la terza edizione!
Oro incenso mirra-Presepi nel Monferrato torna per la terza edizione!
Tempo di lettura: 4 minuti

Giunge all terza edizione la grande manifestazione natalizia dedicata ai presepi intitolata Oro incenso mirra-Presepi nel Monferrato.

9 comuni verranno coinvolti. 1000 presepi in tutto il Monferrato saranno inaugurati sabato 8 dicembre. In arrivo la terza edizione di Oro incenso mirra-Presepi nel Monferrato, un grande evento che unirà molti paesini del Monferrato astigiano in un lungo percorso.

Lo spirito natalizio inizia ad avvolgere come una calda coperta il Piemonte. La neve ancora latita, però le luci cominciano a lampeggiare. Le decorazioni si fanno strada tra i balconi e le strade. I sorrisi e gli occhi dei bambini si illuminano di gioia e magia. Pronti per il Natale?

Quali saranno i comuni coinvolti?

Albugnano, Aramengo, Camerano, Castagnole Monferrato, Cocconato, Grana, Monale, Montegrosso d’Asti e Schierano, frazione di Passerano Marmorito. Cerchiamo però di capire cosa accadrà 8 dicembre in questi paesini…

Albugnano

Abbazia di Santa Maria di Vezzolano sarà la casa del torna il grande presepe artistico curato dalla restauratrice Anna Rosa Nicola. Rievoca emozioni e ricordi di un tempo ormai passato e ogni anno gli scenari si rinnovano. Nella scorsa edizione è stato visitato da oltre 7mila persone.

I 12 vignaioli dell’Associazione Albugnano 549 allestiranno nella Scuola elementare di Albugnano il Presepe degli artisti, una particolare composizione di figure in legno a grandezza naturale dipinte dagli artisti piemontesi Nino Aimone, Francesco Casorati, Riccardo Cordero, Giorgio Ramella, Giacomo Soffiantino e Francesco Tabusso.

Da annotare in agenda: questo weekend ci saranno delle navette a disposizione dei visitatori che partiranno dall’Abbazia di Vezzolano. Qui verranno accompagnati nella visita delle cantine, potranno conoscere le aziende agricole e i vignaioli, visitare la Scuola e le cantine e degustare l’Alto Nebbiolo del Monferrato Albungano doc e gli altri vini tipici del territorio accompagnati dai prodotti gastronomici.

Correlato:  Bike sharing, a Torino continuano gli atti di vandalismo: dodici bici riemerse dal Po

Aramengo

Piazza del Peso ospiterà un presepe totalmente ideato e vissuto da bambini del paese. Tutte le figure (studiate e preparate in precedenza) saranno decorate dai piccoli abitanti di Aramengo che firmeranno le loro “opere d’arte”.

Nei sotterranei del Palazzo Municipale ci sarà un’opera di Anna Rosa Nicola: una versione del presepe allestito all’Abbazia di Vezzolano, con materiali nuovi, una straordinaria realizzazione miniaturizzata, ricca di elementi inediti e curiose rappresentazioni.

Camerano Casasco

Sotto i voltoni in tufo delle cantine del castello, vicino all’antico forno comunale del 1700, si può visitare il presepe meccanico degli antichi mestieri costruito dallo scultore Gennaro Cosentino; dopo un lavoro di 25 anni di lavoro, al suo interno ci sono 40
statue in legno, animate dal meccanismo di decine e decine di motori elettrici che lo stesso Cosentino ha progettato.

Non solo presepi, durante questi giorni si potranno visitare anche i preziosi stucchi dei maestri Luganesi (1650 circa) nella chiesa parrocchiale recentemente restaurati e, a Palazzo Balbo, la camera che ospitò Silvio Pellico per tre anni, con gli arredi originali.

Castagnole Monferrato

Le cantine della settecentesca Tenuta La Mercantile accoglierà diversi presepi. Da non perdere: il Presepe del Vino, opera di Stefano Parodi e Marco e Piera Roggero, ispirato alla vendemmia e alla commedia dialettale “Gelindo ritorna”; il presepe fatto dagli ospiti della Casa di Riposo “Coniugi Valpreda Capitolo”; l’originale presepe di Roberto Grillo.

Domenica 16 dicembre alle 17 il presepe vivente lungo il centro storico della Miraja: saranno offerti Ruché brulé, caldarroste, polenta e cioccolata calda per i più piccini.

Correlato:  Beato Angelico al Museo Diocesano di Torino: una sorpresa nella sorpresa

Cocconato

Più di cento presepi saranno esposti negli angoli caratteristici e nelle vetrine dei negozi del centro storico dell’antico borgo, con una suggestiva illuminazione notturna. Nel Salone Comunale nel Cortile del Collegio si terrà la mostra “Presepi d’Artista” con il singolare presepe realizzato all’uncinetto da Adriana Gandini, il presepe in ferro battuto di Santo Roccatello e le ultime creazioni dei presepisti torinesi Antonio Aiello, Adriano Gatto e Roberto Niglio.

Verrà allestito anche un presepe animato realizzato da artisti cocconatesi e illuminato nelle ore notturne: ogni anno nuovi
personaggi disposti lungo la scalinata e tutt’intorno alla chiesa di Santa Maria della Consolazione.

Il 26 dicembre ci sarà “Presepiando… Degustando”: all’interno della mostra “Presepi d’Artista” con gli artisti espositori, curiosità e aneddoti dal vivo. Aree di degustazione saranno allestite nel percorso e, nel Salone Comunale, merenda sinoira con specialità cocconatesi su prenotazione.

Grana

Il presepe allestito da Nino Di Muzio, è esposto nel locale
sottostante la chiesa in piazza Maria Ausiliatrice e si potrà visitare fino al 17 febbraio 2019. La tecnica è artigianale: alcune statue sono costruite a mano, con resina e stoffa. Il presepe occupa circa 100 metri quadri, con 380 personaggi e due sinagoghe in legno, oltre a un castello, il palazzo di Erode, varie abitazioni. Davanti al presepe, la rievocazione dell’Annunciazione, dei profeti e un piccolo villaggio con il vecchio mulino ad acqua. Suggestivi giochi di luce scandiscono i momenti dell’alba, del giorno, del tramonto e della notte.

Monale

Il percorso parte dal Municipio fino ad arrivare al Castello; molti i presepi che si incontreranno lungo la strada. Il
primo è quello realizzato da Remo Marangon che da 10 anni ritrae, con statue a grandezza naturale, i suoi concittadini. Segue l’esposizione di statue realizzate con la terracotta di Monale dal maestro ceramista Fabrizio Russo, oltre a quelle fatte dagli abitanti di Monale suoi allievi. La mostra si conclude con il Presepe intagliato nel legno da Martino Canavese, dove la Natività è rappresentata a dimensione naturale.

Correlato:  Linea Metro 2: la francese Systra si aggiudica la progettazione

Oltre 100 presepi poi sono esposti nel Salone Polivalente. L’8 dicembre, nella Biblioteca, saranno esposti anche i presepi italiani di Mauro Imbrenda, presidente dell’associazione Storici Artistici Presepisti Astesi.

Montegrosso d’Asti

Il Presepe Meccanico si può visitare nella chiesa parrocchiale di Santo Stefano; 30 metri quadri, personaggi in movimento, interamente costruito a mano da Maurizio Nanni.

Domenica 23 dicembre più di 40 figuranti impegnati in antichi mestieri faranno rivivere il villaggio di Betlemme. Nella capanna della Natività, la Sacra Famiglia riscaldata dal bue e dall’asinello.

Schierano, frazione di Passerano Marmorito

Idea nata nel 2010 quella di esporre presepi in tutto il paese come messaggio francescano di pace, fede e tradizione.

Più di 200 presepi creati dagli abitanti, esposti davanti alle chiese, alle porte delle case e sulle finestre, nei vicoli e lungo la strada che attraversa il paese. Di notte vengono illuminati e creano la perfetta atmosfera natalizia. I presepi sono realizzati con semplicità e materiali naturali e sono dedicati a Papa Francesco e al suo trisnonno Giuseppe Bergoglio nato a Schierano nel 1816.

Informazioni utili

Novità di quest’anno è il sito Internet di Oro incenso mirra-Presepi nel Monferrato. Per qualsiasi approfondimento, contatti e riferimenti vari visitare www.presepinelmonferrato.it. Oppure visitate la pagina Facebook dedicata all’evento cliccando qui.



Commenti