Home Articoli HP La GDF dona 7mila capi alla Piccola Casa della Divina Provvidenza di...

La GDF dona 7mila capi alla Piccola Casa della Divina Provvidenza di Torino

390
SHARE
Tempo di lettura: 1 minuto

La Guardia di Finanza regala 7mila capi alla Piccola Casa della Divina Provvidenza di Torino: un gesto di vicinanza ai più bisognosi

La Piccola Casa della Divina Provvidenza di Torino, nota al pubblico con la denominazione di Cottolengo, si adopera da anni per aiutare i torinesi più bisognosi. Un ente organizzato, che cerca di reperire fondi e beni di ogni genere e necessità, al fine di garantire una sopravvivenza dignitosa a coloro che vi si rivolgono.
Come in altre precedenti occasioni, la Guardia di Finanza di Torino non ha fatto mancare il suo contributo alla struttura in seguito alle sue operazioni di sequestro di merce contraffatta. Le Fiamme Gialle hanno infatti donato al Cottolengo circa 7mila indumenti.
I capi regalati sono ovviamente provenienti dai sequestri e dalle operazioni della Guardia di Finanza. La lotta alla contraffazione ha portato gli agenti a entrare in possesso di questa notevole quantità di merce, destinata al commercio. Gli oggetti, una volta sequestrati, sarebbero stati spediti al macero. La Guardia di Finanza, peròha voluto presentare una richiesta al Tribunale di Torino: niente distruzione per gli indumenti contraffatti, ma una donazione al Cottolengo. La volontà di devolvere tutto in beneficenza ha convinto il Tribunale, che ha dato il suo consenso per la devoluzione, una volta appurate le finalità benefiche. In seguito, sono stati rimossi i marchi distintivi. Una prassi ordinaria che deve essere seguita nel caso in cui ci si trovi in queste situazioni.
La Piccola Casa della Divina Provvidenza di Torino ha così avuto la possibilità di beneficiare di una gran quantità di nuovi capi, da mettere a disposizione dei richiedenti. Dunque, un gesto di vitale importanza per i meno abbienti, che arriva con l’avvicinarsi di un periodo di festa come quello natalizio.


Commenti

Correlato:  Torino, aperto il bando per partecipare a "That's a Mole": i dettagli della quinta edizione
SHARE