Home Arte “Musei e Migranti. Gli strumenti per l’incontro”: al Museo Egizio un interessante...

“Musei e Migranti. Gli strumenti per l’incontro”: al Museo Egizio un interessante appuntamento sul rapporto tra i musei e la questione migratoria

285
SHARE
Tempo di lettura: 3 minuti

“Musei e Migranti. Gli strumenti per l’incontro”: al Museo Egizio un interessante appuntamento su come i musei affrontano la questione migratoria

Il Museo Egizio è da sempre molto attento a una delicata tematica come l’emigrazione.
A prescindere dal fatto che avvenga per motivi economici o umanitari, la migrazione dei popoli verso altre Paesi per progettare un futuro più roseo è un fattore molto centrale nell’epoca storica che stiamo vivendo e del passato. Con ogni probabilità, sarà opportuno affrontare questo fenomeno anche negli anni a venire.
Per lunedì 26 novembre, il Museo Egizio ha in programma un interessante evento, intitolato “Musei e Migranti. Gli strumenti per l’incontro“. Si tratta di un interessante appuntamento, che si occupa principalmente di analizzare il ruolo dei musei che affrontano i bisogni culturali dei migranti.
L’obiettivo di questo speciale evento è quello di conoscere le modalità adottate dai musei europei per interfacciarsi con la questione migratoria. Vengono dunque presi in esame gli strumenti selezionati per portare avanti un dialogo con i cittadini migranti. Da ciò scaturisce un’influenza, da parte del pubblico multiculturale, sulle scelte curatoriali e museologiche.

In tutti questi interessanti aspetti emergeranno i progetti che hanno favorito maggiormente l’accessibilità culturale. Una serie di importanti strategie, atte a coinvolgere maggiormente e in maniera trasversale i migranti e tutto il pubblico.

 

Un confronto davvero suggestivo, che vedrà protagonisti musei italiani e internazionali, i quali si metteranno a disposizione fornendo testimonianze e partecipando a raffronti.

Correlato:  Torino, rivoluzione per "Natale coi fiocchi" 2017: mercatini di natale in centro e in periferia

 

Programma e costi di partecipazione

 

Il programma di “Musei e Migranti. Gli strumenti per l’incontro” sarà molto ampio.

Si inizia alle ore 09:00 con la registrazione dei partecipanti, seguita immediatamente dall’avvio della Prima Sessione.

Interverranno relatori di grande prestigio. Non potrà mancare ovviamente Christian Greco, il Direttore Museo Egizio. In seguito toccherà a Nicole Van Dijk, in rappresentanza del Museum van de Stad di Rotterdam (Olanda). Infine vi sarà la videotestimonianza di Francesco Mannino delle Officine Culturali.

Al termine della Prima Sessione ci sarà un’interruzione, per lasciare spazio al Coffee Break.

Conclusa la pausa sarà avviata la Seconda Sessione.

Si partita con “La comunità nordafricana racconta le collezioni del Museo Egizio“. Si tratterà di una video-intervista alle signore dell’associazione “Mondi in Città onlus“. Un interessante filmato, che sarà seguito dall’intervento di Salma Jreige, con il “Progetto Multaka” del Museum für Islamische Kunst im Pergamonmuseum. Chiuderà la sessione Dario Disegni, Presidente del Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah (MEIS) di Ferrara.

 

Dalle ore 13:00 alle ore 14:00 si terrà Light Lunch. Un intermezzo che precederà la Sessione Pomeridiana.

Quest’ultima inizierà con “Case clinic”, tavoli di lavoro a gruppi rivolti ai partecipanti per un confronto e una riflessione sulle prassi finalizzate al miglioramento delle proprie competenze. Spazio in seguito ad Alessandra Gariboldi della Fondazione Fitzcarraldo con “Valutare perché, valutare per chi“.A conclusione del tutto ci sarà la restituzione e chiusura dei lavori a cura di Maria Chiara Ciaccheri e Anna Chiara Cimoli.

Correlato:  L'Alfa Romeo MiTo esce di produzione dopo 10 anni: incertezza sugli stabilimenti torinesi

Per poter prendere parte a questo prestigioso evento è necessario sostenere un costo di partecipazione, di importo pari a 20 euro. I costi di partecipazione comprendono il materiale didattico, il coffee break e il Light Lunch, oltre al servizio di traduzione degli interventi in lingua straniera.

La prenotazione è obbligatoria ed è possibile effettuarla cliccando qui.

Appuntamento fissato dunque a lunedì 26 novembre 2018, presso la struttura di via Accademia delle Scienze 6. Occorre ricordare che il terzo ed ultimo appuntamento a tema sarà organizzato per il 18 febbraio 2019, mentre il primo si è già svolto durante lo scorso mese di giugno.

Per coloro che intendono ottenere ulteriori dettagli e informazioni possibile consultare il sito del Museo Egizio, contattare il numero 011 5617776 (attivo dal lunedì al venerdì, dalle ore 09:00 alle ore 17:30), oppure scrivere una e-mail a comunicazione@museoegizio.it.


Commenti

SHARE