Home Articoli HP “Malvarosa”, in Piemonte l’enoteca gestita da ragazzi disabili che ha stupito Mattarella

“Malvarosa”, in Piemonte l’enoteca gestita da ragazzi disabili che ha stupito Mattarella

239
SHARE
Tempo di lettura: 1 minuto

“Malvarosa”, in Piemonte l’enoteca gestita da ragazzi disabili che ha stupito anche il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella

 

Il Piemonte può vantarsi di un’altra bella realtà: l’enoteca “Malvarosa”.

 

Si tratta di una splendida attività, ubicata in provincia di Biella, precisamente a Lessona, che viene gestita interamente da giovani disabili. Una bella opportunità di lavoro per questi ragazzi speciali, che hanno ricevuto in affidamento dalla Regione Piemonte la gestione dell’Enoteca del Biellese e della Serra.

 

Questa realtà imprenditoriale ha visto la luce undici mesi fa grazie al contributo della cooperativa sociale Porte aperte. In questo breve periodo è stato allestito un locale che si articola su due piani, nei quali lavorano dieci ragazzi tra i venti e i quarant’anni (sette uomini e tre donne, tutti con disabilità). Un punto di ristoro che offre una vasta scelta ai suoi clienti. Al piano terra c’è il bar “La “Malvarosa”, mentre al primo piano è possibile trovare il ristorante (qui si possono organizzare anche eventi e cene a tema) e la boutique con i migliori vini prodotti nell’alto Piemonte e nella Val d’Aosta e le buonissime birre artigianali.

 

Dunque, presso l’enoteca “Malvarosa” si ha l’opportunità di gustare non solo i migliori vini della zona e delle aree limitrofe, ma anche la possibilità di prendere un caffè, piuttosto che regalarsi una cena a base di prodotti tipici o approfondire le proprie conoscenze circa le caratteristiche le della produzione vitivinicola del territorio.

Correlato:  Apertura Dimore Storiche del Piemonte: previste visite gratuite per 30 residenze

 

Un bell’esperimento, unico nel suo genere in Italia, che ha attirato l’attenzione di Sergio Mattarella. Il Presidente della Repubblica, infatti, era in visita ufficiale nel Biellese a cinquant’anni dall’alluvione in Valle Mosso. Ha colto dunque l’occasione per fare un salto presso l’enoteca, dalla quale è rimasto piacevolmente colpito, tanto da volerla celebrare su Twitter con tanto di foto e complimenti.

 

Un vero e proprio orgoglio per il Piemonte, che regala a tutta Italia un modello da sviluppare e diffondere.

 

(Foto tratta da www.newsbiella.it)



Commenti

SHARE