Home Articoli HP Niente panico! A Torino il teatro è terreno fertile

Niente panico! A Torino il teatro è terreno fertile

126
SHARE
Tempo di lettura: 2 minuti

Quattro compagnie, tre spazi uniti per lo sviluppo del linguaggio teatrale contemporaneo e un unica stagione: nel progetto Fertili Terreni Teatro convivono in equilibrio imprese di produzione e teatri di diverse dimensioni che rappresentano la diversificata produzione artistica di un territorio.

Il progetto Fertili Terreni Teatro intende sviluppare il teatro di innovazione attraverso lo scouting e l’audience development, attraverso una stagione teatrale condivisa dall’unione  della programmazione di Acti Teatri Indipendenti, Cubo Teatro, Tedacà e Il Mulino di Amleto.

I tre teatri coinvolti (bellARTE, Cubo Teatro e San Pietro in Vincoli Zona Teatro tracciano idealmente un filo rosso che attraversa e lega tre zone periferiche della città, delineando un nuovo “spazio” culturale: un luogo fisico dove il pubblico può utilizzare un unico abbonamento, scegliendo all’interno di una proposta di 53 spettacoli e un totale di 117 repliche.

San Pietro in Vincoli Zona Teatro

La scelta è di proporre opere legate alla nuova drammaturgia o all’innovazione in aree periferiche, che possano diventare un vero e proprio laboratorio, motore di nuovi processi artistici fortemente legati alla comunicazione con il pubblico e all’impatto sociale del teatro sul territorio.

Nei tre teatri si potranno incontrare artisti di levatura nazionale, ma anche giovani promesse in una dimensione di vicinanza che genera un ambiente e una cifra comunicativa immediata e diretta. L’innovazione non può prescindere dalla costruzione di un ambiente creativo a cui partecipano attori, registi, scenografi e collaboratori e che tale ambiente non è solo riferito alle produzioni delle compagnie, ma anche al modo di concepire l’accoglienza di altri spettacoli e del pubblico.

Correlato:  Porta Nuova, in via Sacchi apre ufficialmente Unieuro

Alcuni appuntamenti della stagione condivisa
I 53 spettacoli in programma nella stagione attingono a storie, tematiche e desideri del nostro tempo.

La stagione, intitolata con intenzione altamente significativa “Niente panico!”, viene inaugurata lunedì 29 e martedì 30 ottobre h 21 al Cubo Teatro, in via Pallavicini, con To be or not to be Roger Bernat, di Fanny & Alexander.

Fanny & Alexander

Tra gli altri appuntamenti in programma: Arte, di Yasmina Reza, regia di Alba Maria Porto (9-10 novembre, presso bellARTE, in via Ludovico Bellardi); Il rifugio, una prima nazionale diretta da Beppe Rosso (26-27 novembre, San Pietro in Vincoli); il ritorno a Torino di Super!, una produzione Tedacà – Compagnia dei Demoni (in scena dal 26 dicembre al 6 gennaio, presso bellARTE); Ruy Blas, tratto da Victor Hugo (dal 29 gennaio al 3 febbraio, San Pietro in Vincoli.



Commenti

SHARE