Home Articoli HP Villa Taranto, sede della Prefettura del Verbano-Cusio-Ossola

Villa Taranto, sede della Prefettura del Verbano-Cusio-Ossola

310
SHARE
Villa Taranto, sede della Prefettura del Verbano-Cusio-Ossola
Villa Taranto, sede della Prefettura del Verbano-Cusio-Ossola
Tempo di lettura: 2 minuti

Villa Taranto è un gioiello architettonico che si trova nella provincia del Verbano-Cusio-Ossola, ultimamente oggetto di numerose discussioni.

Dopo il referendum a proposito dello spostamento del VCO in provincia di Milano (vinto dai piemontesi), possiamo dire che Villa Taranto è uno degli edifici più belli del Piemonte.

Impossibile da visitare, poiché sede della Prefettura del Verbano-Cusio-Ossola, questa maestosa villa è stata realizzata nel 1870 dall’architetto svizzero Augusto Guidini.

Famosa per i suoi giardini adibiti a orto botanico, Villa Taranto ha una storia particolare.

Storia

I giardini ospitano oltre 20 mila specie botaniche, coprono un’area molto vasta: quasi 160 mila mq. Essi sono percorsi da oltre 7 km di viali e son visitati da oltre 150 mila persone nei 245 giorni di aperture annui.

Forse non sapete che il fondatore dei suddetti è stato uno scozzese, il capitano McEacharn, militare britannico, grande appassionato di botanica e innamorato del Belpaese. Alla fine degli anni Venti voleva assolutamente trovare un terreno adatto per realizzare un vasto guardino. Per questo motivo tornò in Italia, per cercarne uno perfetto. Nel 1930, dopo aver pubblicato un’inserzione sul Times, trovò disponibile una proprietà sul promontorio della Castagnola, denominata La Crocetta.

Dal 1931 al 1940 McEacharn trasformò questo terreno in una bellezza unica, rinominando l’edificio Villa Taranto in onore del suo antenato Étienne Macdonald, nominato duca di Taranto da Napoleone. Nel 1939, la villa fu donata allo Stato italiano quando il capitano, cittadino britannico, ritornò in Australia a causa dell’entrata in guerra del nostro paese contro il Regno Unito e i suoi alleati.

Correlato:  Torino, la prima birra in Italia è stata prodotta nel quartiere San Donato

I giardini sono divisi in 4 zone:

  • serre
  • giardini terrazzati
  • erbari
  • aiuole floreali

Ci sono alcune specie rare provenienti da molte parti del mondo:

  • grandi ninfee Victoria cruziana (serra tropicale)
  • conifere Metasequoia glyptostroboides
  • felci Dicksonia antarctica, Emmenopterys henryi della famiglia delle Rubiaceae e l’Acer palmatum cap. Mc Eacharn

Come abbiamo detto, solo i giardini sono visitabili (a pagamento) e raggiungibili via terra e via lago; infatti hanno realizzato una fermata in cui fa servizio la Navigazione Lago Maggiore con appositi attracchi.

Curiosità

All’interno dei giardini c’è un monumento dedicato al capitano McEacharn, un mausoleo costruito nel 1965.

Diverse sono le opere d’arte che è possibile ammirare; tra le tante vi segnaliamo due sculture di bronzo. Una riproduce il celeberrimo “Pescatorello” di Vincenzo Gemito (nei giardini terrazzati) e l’altra rappresenta il busto del capitano britannico, realizzato dallo scultore milanese Gualberto Rocchi.

I giardini di Villa Taranto sono considerati dagli utenti di Theneeds i giardini più belli del mondo. Quindi se ancora non li avete visitati, fatelo!

Per avere maggiori informazioni vi invitiamo a visitare il sito web ufficiale dei giardini e della villa cliccando qui.



Commenti