Home Articoli HP Capodanno 2019, a Torino la festa torna in centro e all’aperto: il...

Capodanno 2019, a Torino la festa torna in centro e all’aperto: il tema centrale sarà la magia

5127
SHARE
Tempo di lettura: 1 minuto

Capodanno 2019, a Torino la festa torna in centro: ritorno alla tradizione con celebrazioni all’aperto

Dopo l’esperimento poco convincente dell’anno scorso, la festa di Capodanno 2019, a Torino, torna in centro.
Come da tradizione, le celebrazioni per l’arrivo del nuovo anno si svolgeranno per le strade e le piazze centrali della città. Un ritorno al passato, dopo ciò che è accaduto l’anno scorso. Dopo la tragedia del 3 giugno 2017, per evitare disordini e mantenere la massima sicurezza, il Comune dispose lo stop ai festeggiamenti in piazza.
L’esempio di piazza San Carlo portò l’amministrazione comunale ad organizzare un evento al chiuso al PalaAlpitour. L’edificio, che poteva ospitare fino a 3500 persone, accolse i presenti con una festa molto al di sotto delle aspettative.
Senza contare gli effetti sul turismo di quella scelta, con le associazioni e i titolari delle attività di questo settore che hanno registrato diminuzioni non da poco nell’occupazione delle camere d’albergo e nelle presenze di turisti in città.
Tutto ciò ha costretto Palazzo Civico a ridisegnare la festa per salutare il 2018. Le opzioni al vaglio sono due ed entrambe hanno come tema principale la magia.
La prima si dovrebbe strutturare su una serie di grandi appuntamenti di sera, con l’arrivo in città di ospiti di eccezione. All’ombra della Mole giungeranno i maghi più famosi del mondo, che illumineranno la scena delle notti di festa torinesi.
La seconda ipotesi, che avrebbe costi più contenuti, prevede l’organizzazione di giornate in compagnia di centinaia di artisti e maghi di strada lungo, che si esibiranno per le vie della città. Nel programma sarebbero inoltre incluse visite all’interno di edifici pubblici come gli ospedali. Una nobile iniziativa, che avrà l’obiettivo di regalare un sorriso e una gioia a tutti, anche e soprattutto a coloro che vivono in condizioni di difficoltà di vario genere.
In questo modo, i torinesi potranno tornare a celebrare l’arrivo del nuovo anno brindando all’aperto. Va da sé che si tratterà di brindisi con bicchieri di carta e senza spargimento di bottiglie di vetro. Occorrerà dunque attendere le apposite normative in materia di sicurezza e la scelta definitiva


Commenti

Correlato:  Amaro San Simone, il liquore dei veri torinesi
SHARE