Home Articoli HP Torna a Torino Flor: invasione di colori e profumi floreali in centro

Torna a Torino Flor: invasione di colori e profumi floreali in centro

7717
SHARE
Tempo di lettura: 1 minuto

Il 13 e il 14 ottobre torna a Torino Flor, la mostra-mercato florovivaistica nella sua versione autunnale

Sabato 13 e domenica 14 ottobre torna a Torino Flor.
L’edizione autunnale della mostra-mercato che proporrà le proprie eccellenze florovivaistiche avrà luogo, come di consueto, tra le vie del centro cittadino, tra via Carlo Albertovia Roma e via Principe Amedeo.
La manifestazione, promossa dalla Nuova Società Orticola del Piemonte, sarà aperta al pubblico dalle 9 alle 20 con ingresso gratuito.
Saranno circa 180 gli espositori che parteciperanno all’evento.
I vivaisti arriveranno da tutta Italia e anche dall’estero per proporre le loro eccellenze nel settore del florovivaismo e dell’artigianato del mondo del verde.
I visitatori potranno ammirare la bellezza di molte specie floreali, dalle piante succulente a quelle carnivore, dalle acquatiche a quelle aromatiche e tropicali.
Saranno protagoniste anche le orchidee, le piante d’appartamento, i bonsai, le tillandsie, le piante da ombra, da secco e da sole, le bulbose, le graminacee e quelle con fioriture annuali.
Si avrà anche la possibilità di apprezzare proposte pii stagionali come le aster, le rose rifiorenti, le viole, i ciclamini, gli acero giapponesi, i cornioli, le ortensie e i peperoncini di ogni genere.
Non mancheranno gli eventi culturali e formativi dedicati al mondo floreale rivolti agli adulti ma anche ai bambini. Gli appuntamenti si svolgeranno tutti a Palazzo Birago, sede della Camera di Commercio di Torino.
Per questa edizione Flor organizzerà per la prima volta una programmazione culturale interamente dedicata a “Les Jardins du Plaisir”, un viaggio multisensoriale con percorsi emozionali tra i piaceri dell’uomo, piante afrodisiache e giardini incantati.
Dunque, torna a Torino Flor e con questa edizione autunnale porta con sé un po’ di primavera.


Commenti

Correlato:  La Galleria Subalpina: un passaggio “non obbligato”.