Home Articoli HP La Rocca di Arignano, da castello con fantasmi a locanda e scuola...

La Rocca di Arignano, da castello con fantasmi a locanda e scuola di cucina

753
SHARE
La Rocca di Arignano, da castello con fantasmi a locanda e scuola di cucina
La Rocca di Arignano, da castello con fantasmi a locanda e scuola di cucina
Tempo di lettura: 1 minuto

Rinasce la Rocca di Arignano, alle porte di Torino: il maniero infestato da un fantasma diventa una scuola di cucina e una locanda

 

La Rocca di Arignano si prepara a rinascere.

 

Il maniero, situato alle porte di Torino, è stato realizzato nel X secolo. I racconti che citano questa maestosa struttura risalgono infatti a diversi secoli fa. Un complesso che si è conservato nel corso del tempo e che, con il passare degli anni, ha assunto i connotati del classico luogo misterioso, all’interno del quale chiunque avrebbe paura ad accedere.

 

Già, perché ormai è noto a numerosi curiosi che, all’interno di questa struttura, ci sia in pianta stabile un fantasma, che pare risieda proprio nel maniero. Il castello è salito agli onori delle cronache anche e soprattutto per questo motivo, oltre che per la sua messa in vendita.

 

Un castello con tanto di fantasma, che è stato acquistato da una coppia di torinesi. Con un investimento da due milioni e mezzo di euro, gli acquirenti si sono assicurati un piccolo gioiello nei pressi del Monferrato. Un grande affare, per il quale sono già partiti i lavori di ristrutturazione. Il tutto con l’assistenza della Sovrintendenza ai beni storici del Piemonte (per verificare che vengano rispettati i vincoli di patrimonio architettonico).

Correlato:  23 gennaio 1824: l'inaugurazione del Museo Egizio

 

Cosa sorgerà all’interno del castello? In questo luogo meraviglioso vedranno la luce una locanda e una scuola di cucina, che si dedicheranno principalmente alla conservazione e alla riscoperta della tradizione enogastronomica locale, della antiche ricette e delle classiche tecniche di preparazione.

 

Per ammirare questa grande novità occorrerà attendere ancora un anno, termine entro il quale gli addetti contano di portare al termine le operazioni di restauro e allestimento.



Commenti

SHARE