Home Ambiente Temperature in calo, i torinesi si chiedono quando si possono accendere i...

Temperature in calo, i torinesi si chiedono quando si possono accendere i termosifoni a Torino

2780
SHARE

Temperature in calo, i torinesi si chiedono quando si possono accendere i termosifoni a Torino: bisognerà attendere ancora diversi giorni

Il freddo inizia a farsi sentire e molti torinesi iniziano a chiederselo: quando si possono accendere i termosifoni a Torino? L’attesa non è poi così lunga.
Il netto calo delle temperature delle ultime settimane sta facendo rimpiangere, ai più nostalgici, la fine dell’estate. Al contrario, gli amanti di questa stagione si trovano perfettamente a proprio agio.
La perturbazione proveniente dalla penisola scandinava, che ha attraversato il Mediterraneo in questi ultimi giorni, ha generato un clima freddo. Un repentino cambio delle temperature che ha proiettato i torinesi dall’estate al pieno autunno.
Il calore delle abitazioni, degli uffici e delle scuole, in alcuni casi, non basta, e molti si stanno chiedendo appunto da quando si potrà usufruire dei caloriferi. La nostra città fa parte dell’insieme di province che potrà disporre dei termosifoni tra il 15 ottobre e il 15 aprile.
Gli abitanti del capoluogo piemontese, infatti, potranno accendere i termosifoni per 14 ore al giorno. Stesso discorso sarà valido per i residenti delle province di Alessandria, Aosta, Arezzo, Asti, Bergamo, Biella, Bologna, Bolzano, Brescia, Campobasso, Como, Cremona, Enna, Ferrara, Frosinone, Gorizia, L’Aquila, Lecco, Lodi, Milano, Modena, Novara, Padova, Pavia, Perugia, Piacenza, Pordenone, Potenza, Ravenna, Reggio Emilia, Rieti, Rimini, Rovigo, Sondrio, Treviso, Trieste, Udine, Varese, Venezia, Verbania, Vercelli, Verona Vicenza.
Le limitazioni, oltre che orarie, sono riguardano anche i gradi. La legge impone infatti un utilizzo non superiore ai 20 gradi centigradi, con soli due gradi di tolleranza per case, scuole e uffici. Non possono andare invece oltre i 18 gradi gli edifici nei quali vengono svolte attività artigianali e industriali.
L’eventuale sforamento dei limiti imposti comporta la trasgressione della legge e l’aumento dei costi di utilizzo. La conseguenza più grave e ovvia, però, è l’aumento dell’inquinamento.
Insomma, bisogna aspettare ancora dieci giorni per poter accendere i termosifoni. Nel mentre, non resta che sperare nell’arrivo di temperature più stabili e gradevoli.
(Foto tratta da CasaNoiBlog)

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here