Home Articoli HP Assicurazione, a Torino un’auto su tre non è in regola: raddoppiati i...

Assicurazione, a Torino un’auto su tre non è in regola: raddoppiati i sequestri quest’anno

3145
SHARE
Assicurazione, a Torino un’auto su tre non è in regola: raddoppiati i sequestri quest’anno
Assicurazione, a Torino un’auto su tre non è in regola: raddoppiati i sequestri quest’anno

Assicurazione, a Torino un’auto su tre è senza copertura: allarme per i veicoli della città, aumentati i sequestri

 

L’assicurazione, a Torino, sembrerebbe essere diventato un optional per numerosi veicoli.

 

Sono sempre di più, infatti, le vetture che non sono provviste di copertura assicurativa. Si tratta di un problema che colpisce tutta Italia e, in particolar modo, la nostra città. Già, perché nel solo Comune di Torino il 35% delle auto risulta essere sprovvista di polizza assicurativa.

 

Un dato allarmante, che testimonia l’esplosione di questo fenomeno degli ultimi anni. Non si parla solo di persone in difficoltà, anche se la crisi ha contribuito in larga misura a restringere le disponibilità economiche delle famiglie (che dunque non possono pagare, ma, allo stesso tempo, non possono fare a meno dell’auto per i propri spostamenti). Pesa anche la criminalità dilagante, vista la presenza per le nostre strade che non vengono sottoposte regolarmente alla revisione. Oppure si potrebbe pensare anche al gran numero di auto con fermo amministrativo. Non mancano inoltre i veicoli fermi nelle rivendite e nei depositi, che rientrano nell’analisi portata avanti con il confronto dei dati della Motorizzazione e di Ania (associazione che riunisce le varie compagnie assicurative).

 

Se si va più nello specifico si scopre che, numeri alla mano, su oltre 755mila veicoli circolanti ce ne sono più di 264mila senza assicurazione e 175mila senza revisione. I dati migliorano leggermente se si tiene conto anche dei motoveicoli e dell’area metropolitana, anche se si è ben lontani dai livelli della normalità.

 

Per porre rimedio a questa evidente situazione di illegalità, la Polizia Municipale si è dotata di due autovetture (che presto diventeranno tre) in grado di fotografare e registrare le targhe dei veicoli in sosta. Si tratta di strumenti adeguati per capire realmente quanti e quali veicoli sono assicurati e hanno effettuato la revisione, oppure se sono stati rubati.

 

In questo senso si spiega anche l’aumento dei sequestri da parte dei vigili, che sono passati da quota 2mila e 411 dell’intero 2017 a quota 2mila e 187 unità nei soli primi sei mesi del 2018.

 

La Città sta investendo anche per dotarsi di idonei sistemi di video sorveglianza e si sta sobbarcando le spese di mantenimento dei veicoli nei depositi. Proprio quest’ultima condizione grava pesantemente sulle casse pubbliche, anche se serve per tamponare una situazione davvero complicata.

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here