Home Articoli HP Ztl, a Torino orario prolungato e costo più alto per chi inquina...

Ztl, a Torino orario prolungato e costo più alto per chi inquina di più

5158
SHARE

Ztl, a Torino il Comune propone un progetto con orario prolungato e costo più alto per chi inquina di più

Negli ultimi giorni, la questione relativa alla Ztl, a Torino, è tornata più che mai di attualità.
Dopo le voci sulla possibile strategia del “road pricing“, il Comune ha presentato la sua proposta per rinnovare le normative della zona a traffico limitato.
Nel suo articolato progetto affidato alla società 5T, Palazzo Civico intende portare avanti una manovra che dia più respiro alle vie del centro. L’orario di validità sarà esteso dalle 07:30 alle 19:30, ma non sarà allargato il perimetro di validità delle norme.
L’ingresso avrà un costo variabile, tra i 3 e i 5 euro, e sarà commisurato alla capacità di inquinamento di ogni singolo veicolo. Dunque, chi inquinerà di più pagherà di più, detto in parole povere. Per sapere quanto si dovrà pagare, occorrerà digitare la targa del proprio veicolo su un apposito portale internet o sui parcometri del centro, i quali forniranno informazioni sulla cifra da corrispondere. Questo discorso non vale però per veicoli elettrici e ibridi, in quanto questi avranno l’accesso gratuito.
Nell’orario di validità della Ztl, coloro che sosteranno avranno due ore di parcheggio gratuito. Dalla terza ora in avanti scatterà il pagamento ordinario.

Obiettivi del Comune

Da questa nuova manovra, il Comune potrà beneficiare di introiti per ben 6,3 milioni di euro.
La cifra è però soltanto indicativa, poiché, per gestire il nuovo servizio, occorrerà fare fronte a diverse spese. Si parla di 1,5 milioni di euro di oneri aggiuntivi per il corretto funzionamento dei dispositivi e dei controlli. Sono stati recentemente assunti 35 nuovi ausiliari Gtt per sanzionare i trasgressori e, molto probabilmente, le auto dei vigili saranno dotate di apposite telecamere per multare i “furbetti”.
Gli incassi però potrebbero anche salire vistosamente, poiché si stima che il 70% dei veicoli che transiterà sarà nella fascia di pagamento dei 5 euro. Inoltre, le multe per coloro che non si metteranno in regola saranno molto salate.
Insomma, sarà incentivato l’abbandono dell’auto per il passaggio in centro, a vantaggio dell’utilizzo dei mezzi pubblici, tanto cari a questa amministrazione. Una serie di mosse per decongestionare il traffico delle vie centrali (ridimensionando il numero delle vetture che passano senza fermarsi in centro) e per rendere più scorrevole il transito dei veicoli.

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here