Home Articoli HP Si avvicina il referendum per il distaccamento di Verbania, ormai sempre più...

Si avvicina il referendum per il distaccamento di Verbania, ormai sempre più vicina alla Lombardia

15030
SHARE
Si avvicina il referendum per il distaccamento di Verbania, ormai sempre più vicina alla Lombardia
Si avvicina il referendum per il distaccamento di Verbania, ormai sempre più vicina alla Lombardia

Si avvicina il referendum per il distaccamento di Verbania: sempre più vicino il passaggio alla Lombardia

 

Si sta avvicinando sempre di più il referendum per il distaccamento di Verbania dal Piemonte.

 

Tra poche settimane si conoscerà il destino della provincia, che andrà al voto il 21 ottobre.

 

L’annessione alla Lombardia sembra molto probabile, tanto che sono stati addirittura reperiti i fondi per le votazioni. Una condizione necessaria,questa, poiché i Comuni, in questo modo, saranno interamente rimborsati delle spese da sostenere.

 

Ma in che modo sono stati trovati i finanziamenti per il quesito referendario? La risposta sembra quasi beffarda. Il Verbano-Cusio-Ossola dovrebbe infatti beneficiare di un aumento da 3 a 4 milioni l’anno di fondi per la “specificità montana del Vco“. Si tratta di denaro che la Regione Piemonte eroga per offrire servizi supplementari necessari per una zona dal territorio molto particolare.

 

La variazione di un milione di euro permette così di coprire la spesa di 330mila euro, che corrisponde alla cifra stimata per il referendum.

 

Una situazione davvero spiacevole per il Piemonte, che ha avuto inizio lo scorso 3 maggio, quando il Consiglio provinciale ha dato il via formale alla procedura referendaria. Il procedimento è proseguito poi a giugno, con la richiesta di indizione del referendum depositata alla cancelleria della Corte di Cassazione.

 

Successivamente, sono state raccolte regolarmente le 5mila firme necessarie. Un segnale forte, quello di Verbania, che non si sente rappresentata da Torino per l’eccessiva distanza e per la sua marginalità. La provincia si è dunque rivolta alla Lombardia per una moltitudine di ragioni. Non si tratta solo di motivazioni storiche, ma anche concrete ed economiche, come le agevolazioni sull’IRPEF, sul bollo auto, sullo sconto della benzina ai distributori di confine e una sanità meno costosa e più efficiente.

 

Una serie di elementi che portano a pensare che l’addio di Verbania al Piemonte sia un’ipotesi più verosimile di quanto si possa credere.

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here