Home Articoli HP Il ristorante Del Cambio di Torino alla conquista della Russia: nuova apertura...

Il ristorante Del Cambio di Torino alla conquista della Russia: nuova apertura a Mosca

SHARE
Il ristorante Del Cambio di Torino alla conquista della Russia: nuova apertura a Mosca
Il ristorante Del Cambio di Torino alla conquista della Russia: nuova apertura a Mosca
Tempo di lettura: 1 minuto

Il ristorante Del Cambio di Torino alla conquista della Russia: nuova apertura nella Capitale, la cucina tradizionale piemontese arriva a Mosca

 

Il ristorante Del Cambio di Torino conquista la Russia e sbarca nella Capitale: la cucina tradizionale piemontese arriva a Mosca con una nuova apertura.

 

È questa la notizia che emerge dal mondo dell’enogastronomia torinese, con uno dei pilastri culinari della nostra città pronto a deliziare anche un Paese tanto lontano come la Russia. Uno dei fiori all’occhiello di Torino, per prestigio e qualità, si affaccerà per la prima volta fuori dai confini cittadini e nazionali.

 

Il ristorante, che è passato sotto la sapiente guida di Matteo Baronetto, sarà protagonista anche a Mosca, con un nuovo punto di ristoro. La location non è ancora stata definita con precisione, anche se sono al vaglio diverse ipotesi.

 

Tutto nasce dalla splendida performance dello chef stellato al Forum internazionale di San Pietroburgo, tenutosi lo scorso maggio. A seguito di una collaborazione nata con la Russia per la serietà e la professionalità dimostrata da Baronetto è stato deciso di allestire, entro la fine del 2018, il nuovo ristorante. Un ristorante che, ovviamente, mescolerà tradizione piemontese e cucina territoriale nostrana, in piatti di alta classe e per palati raffinati.

Correlato:  Terremoto, in Piemonte una scossa di media intensità durante la nottata in provincia di Cuneo

 

Gli esponenti del Comune di Torino, in particolar modo l’Assessore al Commercio Alberto Sacco, ha espresso grande entusiasmo ed è convinto fermamente che il locale Mosca sarà una bella pubblicità per la nostra città.

 

(Foto tratta da Museo Torino)



Commenti

SHARE