Home Animali Torino, ai Musei Reali ingresso consentito anche agli animali

Torino, ai Musei Reali ingresso consentito anche agli animali

2034
SHARE
Tempo di lettura: 1 minuto

Torino, ai Musei Reali ingresso consentito anche agli animali, grande attenzione ai cani

Torino, ai Musei Reali c’è spazio proprio per tutti.
Le strutture in questione, infatti, aprono le porte ai cani e agli animali di qualsiasi taglia, che possono tranquillamente girare all’interno dei giardini. All’interno delle sale, inoltre, è consentito l’accesso con il proprio amico a quattro zampe, ma di dimensioni di piccola taglia. Una disposizione appositamente studiata per preservare e mantenere del tutto intatte collezioni, opere e interni.
Un progetto, quello lanciato dai Musei Reali, che si configura come una iniziativa di agevolazione per turisti e visitatori. Sono infatti questi i soggetti che maggiormente richiedono un simile servizio, principalmente per comodità personale, e poi per compagnia. Sono tanti i torinesi che, vivendo da soli, vanno a godersi capolavori di ogni epoca con il proprio animale domestico.
Dunque, una buona notizia per coloro che intendono accedere ai musei con il proprio cane o gatto (o qualsiasi animale). Molti avranno così l’opportunità di non separarsi dai loro fedeli compagni nemmeno in queste occasioni.
Una base di questo progetto è stata elaborata e messa in pratica da Palazzo Madama nel 2013. Nello specifico, la pratica consisteva nel trasportare gli animali all’interno di un contenitore a noleggio di dimensioni adeguate, per poter visitare gli ambienti. Un progetto di successo, che ha spinto anche il Mao a seguire questa scia.
La pratica, che ora si estende alla Gamalla Fondazione Sandretto Re Rebaudendo, al Museo del Risorgimento e della Montagna, alla Reggia di Venaria è al Museo del Cinema, riguardava in precedenza già il Museo dell’Automobile e il Museo della Fantascienza. I cani ovviamente vanno tenuti al guinzaglio, nel “trasportino”, in braccio o in borsa, un modo da non creare confusione.
Insomma, una buona tendenza che sta interessando tutte le strutture museali e che, al momento, è limitata solo presso il Museo Egizio, il Museo Ettore Fico e al Castello di Rivoli, dove comunque possono accedere i cani guida per disabili e non vedenti.
Dunque, la città diventa sempre più pet friendly, anche e soprattutto con queste novità degne di nota. Proposte non scontate, specie all’estero, se si pensa che al Louvre di Parigi, alla National Gallery di Londra e al Moma di New York non sono presi in considerazione ingressi di alcun tipo di cane, con l’eccezione per i disabili.
(Foto tratta da Napolike)


Commenti

Correlato:  Il viaggio da Palermo a Torino con un asino: l'incredibile impresa di un ragazzo torinese
SHARE