Home Articoli HP Auto a guida autonoma, a Torino sarà realizzata una città in miniatura

Auto a guida autonoma, a Torino sarà realizzata una città in miniatura

832
SHARE
Tempo di lettura: 1 minuto

Auto a guida autonoma, a Torino sarà realizzata una città in miniatura: al progetto prendo parte FCA, Audi, Mercedes e GM

Le auto a guida autonoma, a Torino, saranno testate grazie alla realizzazione di una apposita città in miniatura.
Si tratta del nuovo laboratorio cittadino, anticipato dalle dichiarazioni dei soggetti coinvolti e del Comune di Torino. Un’area appositamente allestita per effettuare gli esperimenti e i test, che si andrà ad aggiungere al perimetro di vie indicato in passato per la circolazione delle auto senza conducente.
L’iniziativa riprenderebbe molti aspetti del villaggio creato a Detroit, la “M City“, sorta in una zona ormai disabitata della città e concessa all’Università del Michigan per effettuare simili esperimenti.
Le auto senza pilota dovrebbero circolare in zona Mirafiori, in una parte della città ormai ricca di fabbriche dismesse, che non si è ancora rilanciata dopo l’affidamento a Torino Nuova Economia. I numerosi stabilimenti dismessi, le vie, gli incroci, le rotonde, gli attraversamenti pedonali, i semafori, gli svincoli e molti altri elementi della viabilità sono qui presenti.
Una serie di condizioni che permetterebbe di testare in maniera ottimale e in totale sicurezza queste vetture, che avrebbe a disposizione il giusto spazio per le esercitazioni, senza che si vengano a creare problemi per la circolazione o eventuali pericoli.
Dalle dichiarazioni degli esponenti dell’amministrazione comunale è emerso che i test verranno avviati in questo autunno. Si partirà con i partner già accordati, nella speranza e nell’attesa che altri vogliano seguire la linea lanciata da FCA, Audi, Mercedes e GM. Queste ultime potranno iniziare a contare su un tracciato che si articola su un percorso di 30 chilometri. Un itinerario che passerà da Mirafiori, dalla zona degli ospedali, da San Salvario, corso Galileo Ferraris e il sottopasso di corso Unità d’Italia.
Una grande novità, che trasformerà Torino in un laboratorio a cielo aperto di quella che sarà una delle innovazioni più importanti del secolo.
(Foto tratta da www.panorama-auto.it)


Commenti

Correlato:  Collegamento via Cavalli e corso Matteotti a Torino: a febbraio fine dei lavori!
SHARE