Home Articoli HP Febbre del Nilo, in Piemonte sale a 12 il numero dei casi:...

Febbre del Nilo, in Piemonte sale a 12 il numero dei casi: ora in Italia allerta per il virus Usutu

2662
SHARE

Febbre del Nilo, in Piemonte sale a 12 il numero dei casi: ora in Italia allerta per il virus Usutu, patologia isolata per la prima volta in Sudafrica, che è arrivato anche in Veneto

La Febbre del Nilo, in Piemonte, continua a rappresentare un problema per la salute dei cittadini.

La patologia è stata infatti riscontrata in altre persone, con il numero dei contagi che è dunque salito a quota dodici. Su 334 casi registrati in tutta Italia a partire da giugno, quelli che sono stati segnalati nella nostra regione sono stati suddivisi tra Torino, Asti e Biella.

Come già anticipato tempo fa, si tratta di una particolare malattia, che viene trasmessa da zanzare e uccelli selvatici. In caso di contagio, l’uomo manifesta sintomi febbrili o neurologici, che possono anche avere conseguenze gravi e potenzialmente mortali nei soggetti più esposti.

Per il momento, nella nostra città e in tutto il Piemonte non ci sono state ancora vittime, anche se il livello di attenzione deve essere mantenuto al massimo livello, come ha raccomando l’Istituto Zooprofilattico di Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta. Quest’ultimo ha raccomandato la massima prevenzione.

L’attenzione dei dottori e dei ricercatori, però, si è spostata anche su altre patologie nelle ultime ore. In Veneto, infatti, dopo la Febbre del Nilo è sbarcato anche l’Usutu Virus, una patologia che ha fatto la sua prima comparsa in Sudafrica nel 1959.

In questo caso si parla di un arbovirus della famiglia dei Flavivirus. Somiglia molto al virus del Nilo occidentale ed appartiene al numeroso complesso dei virus dell’encefalite giapponese (JEV).

Occorre prestare attenzione anche a questa nuova patologia, vista la rapida diffusione della Febbre del Nilo, sempre partita dal Veneto.

Si attenderà l’arrivo del freddo e l’abbassamento delle temperature per poter ridurre i rischi di contagio. Il consiglio è quello di utilizzare zanzariere e di munirsi di vestiti coprenti in caso di passaggio in luoghi pubblici come i parchi.

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here